menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via libera all'ampliamento del supermercato nella nuova zona residenziale

Si conferma la medio grande struttura di vendita non alimentare (fino a 2.500 metri quadri) e si propone una medio grande struttura alimentare al posto della medio piccola (fino a 1.500 metri quadri)

Martedì il consiglio comunale ha approvato in variante al Poc 2010/2015 di piano urbanistico attuativo R30 Conad Antica Milizia. La delibera è stata approvata con 18 voti favorevoli (gruppi di maggioranza) e 10 voti contrari (CambieRà, Forza Italia, La Pigna, Lega nord, Lista per Ravenna, gruppo Misto). Sono state inoltre votate e non accolte due controdeduzioni con 19 voti favorevoli (gruppi di maggioranza), 2 voti contrari (gruppo Misto), 7 astenuti (CambieRà, Forza Italia, La Pigna, Lega nord). Ha presentato la delibera l’assessora all’Urbanistica Federica Del Conte.

L’assessora ha fatto presente che l’area interessata si trova nel settore sud est di Ravenna ed è delimitata a sud da via Antica Milizia e a est da via Stradone. L’ambito costituisce l’ultimo stralcio di un Pua pregresso, convenzionato nel 1993 e integrato nel 2005. La variante richiesta è stata presentata nel luglio del 2015 e consiste in una modifica delle tipologie commerciali ammesse: si conferma la medio grande struttura di vendita non alimentare (fino a 2.500 metri quadri) e si propone una medio grande struttura alimentare in luogo della medio piccola (fino a 1.500 metri quadri). Rimane invariata l'articolazione tra superficie a destinazione residenziale e superficie commerciale. La modifica si riferisce solo all'aumento della superficie di vendita della struttura alimentare.

La variante prevede che la proprietà si faccia carico della realizzazione della pista ciclabile di collegamento tra via Don Carlo Sala e via Romea Sud (già presentato il progetto preliminare-definitivo) e della sistemazione di via Stradone (già presentato il progetto preliminare), dalla via Canale Molinetto all’innesto su viale Europa, con la realizzazione di pista ciclabile lungo tutto il tracciato, realizzazione dell’innesto tra via Levi e via Stradone, contributo alla realizzazione dell’innesto tra via Antica Milizia e via Stradone, adeguamento del ponte carrabile sul canale Lama e realizzazione di un collegamento ciclopedonale fino alla pista ciclabile di viale Europa. Si tratta di un progetto organico già in fase avanzata.

Il gruppo Misto ha fatto presente la propria contrarietà e affermato che il progetto, avviato nel 1993, ha avuto, a suo avviso, tutto il tempo per essere bloccato.

Il gruppo Lista per Ravenna si è detto, tra le altre cose, contrario all’aumento di superficie commerciale in una zona già servita e al principio insito nello “scambio” tra variante e servizi infrastrutturali di competenza del Comune.

Il gruppo Lega nord ha ribadito la propria contrarietà al consumo di suolo e alla cementificazione di una zona di campagna, evidenziando che si tratta, a suo avviso, di un progetto faraonico inutile.

Il gruppo Pd ha detto trattarsi di un dibattito già affrontato e di un iter tecnicamente impossibile da bloccare. Ha confermato gli obiettivi dell’amministrazione tesi alla rigenerazione urbana e a evitare il consumo di suolo con azioni già in essere e anche in vista della redazione del nuovo Pug. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento