rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca Faenza

Via vai dalla sala giochi e spaccio vicino a piazza del Popolo: preso un pusher

Nella serata di martedì i carabinieri di Faenza hanno arrestato un pusher che negli ultimi tempi contattava giovani assuntori di droghe nei pressi di una sala giochi

Nella serata di martedì i carabinieri di Faenza hanno arrestato un pusher che negli ultimi tempi contattava giovani assuntori di droghe nei pressi di una sala giochi a pochi passi dalla centralissima piazza del Popolo. Il frequente viavai di giovani nei paraggi di una sala giochi del centro, negli ultimi tempi era stato anche segnalato al 112 da alcuni cittadini che avevano assistito con i loro occhi ad un passaggio di “bustine” sospette che avveniva quasi alla luce del sole”di fronte al loggiato degli uffici del giudice di pace. Ii militari dell’arma hanno voluto vederci chiaro visto che già nel mese di luglio di quest’anno, sempre nelle vicinanze della stessa sala giochi, era stata portata a termine un’altra operazione antidroga che aveva visto finire in manette uno spacciatore.

Anche questa volta il blitz dei carabinieri ha portato all’arresto di un pusher molto conosciuto: si tratta di un 28enne originario del Marocco, con una lunga sfilza di precedenti penali di ogni tipo commessi a Faenza e dintorni, soprattutto per vicende di droga. Quando i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile lo hanno visto fare la spola fra la sala giochi ed il porticato di fronte,  dove spesso è stato visto salutarsi amichevolmente con altri giovani scambiandosi il “cinque” con la mano, hanno subito intuito che fosse proprio lui al centro di quello strano “giro”, perciò si sono appostati nei pressi di viale Matteotti.

Verso le 18:30, i carabinieri lo hanno visto uscire per l’ennesima volta dalla sala giochi per dirigersi sotto la galleria che collega via Severoli con via Nazario Sauro, dove ha incontrato un uomo che dopo aver parlato con lui è rimasto lì ad attenderlo per alcuni minuti. Quell’incontro preludeva il classico ordinativo di droga, infatti quando il 28enne magrebino è tornato sotto il porticato, ha passato una bustina all’uomo che lo stava aspettando, il quale in cambio gli ha consegnato delle banconote. A quel punto i militari dell’arma sono usciti allo scoperto ed hanno prima bloccato l’acquirente, che è risultato essere un operaio 40enne italiano. L’uomo non si era minimamente accorto dell’arrivo carabinieri e non ha potuto fare altro che consegnare l’involucro che aveva appena acquistato, contenente circa quattro grammi di marijuana.

Il pusher, invece, è stato raggiunto dai carabinieri all’interno della sala giochi dove, come suo solito, si era rifugiato dopo aver effettuato la cessione. Quando è stato portato in caserma, i militari del nucleo operativo hanno individuato anche l’abitazione della sua fidanzata italiana, a Faenza, dove si sono presentati per procedere ad una perquisizione domiciliare. Nella camera da letto dei due, i carabinieri hanno trovato un barattolino contenente altri tredici grammi di marijuana, inoltre sono venuti alla luce anche 5 grammi di cocaina insieme ad un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. Il 28enne è stato quindi arrestato in flagranza per“spaccio e detenzione illecita di stupefacenti, provvedimento che è stato avallato dal pubblico ministero Marilù Gattelli.
Mercoledì mattina  l'uomo è stato condotto in tribunale a Ravenna, davanti al giudice Beatrice Bernabei che ha convalidato l’arresto rinviando il processo al 19 ottobre. L'uomo resta ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via vai dalla sala giochi e spaccio vicino a piazza del Popolo: preso un pusher

RavennaToday è in caricamento