Vietati i distributori automatici di cibo e bevande in zona stazione

Il provvedimento si affianca a quello annunciato nei giorni scorsi, e vigente nello stesso periodo, che impone il divieto di consumo di bevande alcoliche in qualsiasi contenitore

Fino al 31 ottobre sarà in vigore un’ordinanza che vieta la vendita e l’erogazione di alimenti e bevande tramite apparecchi automatici in locali privi della costante presenza di responsabili, preposti o altri incaricati del presidio e della sorveglianza, nella zona tra isola San Giovanni, giardini Speyer e aree limitrofe di piazza Anita Garibaldi, via Carducci e le laterali via San Giovanni Bosco e parco Amadesi e via Monghini, viale Farini, piazzale Farini, viale Pallavicini, via Alberoni (nel tatto fra viale Pallavicini e via Candiano), piazza Mameli, via Maroncelli (nel tratto tra viale Farini e via Colonna), via di Roma nel tratto tra via Carducci sino a via Rocca ai Fossi.

Il provvedimento, in vigore da lunedì 1 luglio, si affianca a quello annunciato nei giorni scorsi, e vigente nello stesso periodo, che impone il divieto di consumo di bevande alcoliche in qualsiasi contenitore (ad eccezione delle aree di pertinenza degli “esercizi pubblici di somministrazione bevande”, “esercizi commerciali” e “attività artigianali del settore alimentare”), il divieto di consumare alimenti e bevande in genere forniti in bottiglie di vetro e lattine; e quello di abbandonare bottiglie di vetro, lattine e contenitori in genere; ed è fondamentale per garantirne l’efficacia. Si è infatti deciso di vietare la vendita di alimenti e bevande tramite distributori automatici in locali privi di qualsiasi controllo utile ad allertare le forze dell’ordine in caso di pregiudizi alla sicurezza e all’incolumità pubblica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Entrambe le ordinanze fanno parte di tutta una serie di azioni che da tempo l’Amministrazione comunale ha messo in campo per il decoro e la vivibilità di una zona meritevole di attenzione e sensibilità quale quella della stazione. E sono state emanate sulla scorta di analoghi atti adottati nei mesi scorsi, con l’obiettivo di mantenere e incrementare i positivi risultati già ottenuti, nell’ambito di una strategia complessiva, fatta di diverse azioni, finalizzata a prevenire e contrastare situazioni di malessere sociale e a favorire il decoro urbano e ambientale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Coronavirus, si aggiorna la lista dei contagiati: altri casi per contatti familiari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento