rotate-mobile
Cronaca

Writing urbano, break dance e hip hop protagonisti

Erano presenti i writers dell’associazione Romagna in Fiore, che hanno realizzato la facciata esterna della scuola, nell’ambito del progetto “RigenerArte – writing urbano in Romagna”

Writing urbano, break dance, hip hop e parkour sono stati i protagonisti della festa con la quale sabato gli studenti del Centro provinciale di formazione professionale hanno salutato l’inizio dell’anno scolastico nella sede di Ravenna, alle Bassette. Erano presenti i writers dell’associazione Romagna in Fiore, che hanno realizzato la facciata esterna della scuola, nell’ambito del progetto “RigenerArte – writing urbano in Romagna”, promosso dal servizio politiche giovanili del Comune e vincitore di un bando ministeriale.

Il murales che costituisce la nuova facciata è stato dedicato ad Angelo Pescarini, il professore che per primo ha introdotto l’uso dei regoli nella matematica, al quale da quest’anno è intitolato il centro, con la nuova denominazione di Scuola arti e mestieri Angelo Pescarini, che sarà ufficializzata nel corso di una cerimonia pubblica l’11 novembre.

Nella mattinata di sabato si sono alternati diversi momenti di spettacolo: esibizioni di parkour nell’ambito del progetto “Animazione di strada” del servizio politiche giovanili; break dance a cura dell’associazione Lasagna Style; hip hop a cura dell’associazione Violet Angel di Cervia; djset con Meho e Mohamed, collaboratori del servizio politiche giovanili. Durante la mattinata è inoltre stata organizzata da parte dell’associazione Romagna in Fiore una dimostrazione riguardante la realizzazione di un’opera con la tecnica del writing e l’uso delle bombolette spray.

In rappresentanza del Comune è intervenuta Valentina Morigi, assessore alle Politiche giovanili che ha sottolineato come l’occasione abbia costituito non solo un momento di festa per gli studenti, ma anche l’ufficializzazione di un nuovo traguardo dell’ampio progetto ‘RigenerArte’, con il quale il Comune, quale soggetto capofila, ha ottenuto il primo posto in graduatoria all’interno di un bando ministeriale. Si tratta di un progetto che promuovere l’arte di strada e le espressioni culturali giovanili, quali writing, skate, break dance. Che rappresentano buone opportunità per socializzare e prevenire il disagio giovanile.  

La prima fase del progetto è stata organizzata in collaborazione con la Scuola arti e mestieri Angelo Pescarini e con l’associazione Romagna in Fiore, composta da writers affermati e partner del progetto “RigenerArte”. Gli artisti hanno dipinto l’intera facciata della scuola, dedicando il murales ad Angelo Pescarini. Nella seconda fase, all’interno della scuola, si sono svolte giornate di laboratorio rivolte ai ragazzi, sull’arte dei graffiti, con il supporto degli artisti Federico Bandini e Francesco Ricci Lucchi, presidente e vicepresidente dell’associazione Romagna in Fiore.

L’obiettivo delle attività svolte è stato quello di avvicinare i giovani dai 15 ai 18 anni, che frequentano i corsi di qualifica in ambito artigianale, alle tecniche e regole del writing. Il primo incontro con tutti i ragazzi dei corsi, circa 120, si è svolto all’interno del laboratorio di mosaico, nel quale era stato allestito uno spazio dove poter fare una dimostrazione e introdurre la storia di come nasce un graffito. In questa occasione è stato chiesto ai ragazzi di candidarsi alla partecipazione a due giornate di laboratorio insieme agli artisti.

Una quarantina di ragazzi hanno aderito all’iniziativa, che si è sviluppata attraverso la conoscenza di tecniche di disegno e utilizzo di materiali specifici per la realizzazione di opere murarie. Particolare attenzione è stata data al rispetto di regole di esecuzione, in spazi dedicati. Al termine del percorso, gli artisti hanno scelto un gruppo di ragazzi - Simone D’Oria, Ousmane Gaye, Aleksander Hekov, Viktor Vokaj - per graffitare le porte di sicurezza della scuola.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Writing urbano, break dance e hip hop protagonisti

RavennaToday è in caricamento