Crisi Acmar, lavoratori in stato d'agitazione contro la disdetta dei contratti aziendali

L'assemblea ha deliberato lo stato di agitazione con un pacchetto di ore di sciopero che verranno programmate dopo l'adunanza dei creditori del 22 aprile

In un clima definito "animato" si è svolta l'assemblea sindacale dei lavoratori della cooperativa Acmar, convocata dalle organizzazioni sindacali del settore edile Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil "per valutare la situazione aziendale e decidere le iniziative di mobilitazione per contrastare le forti difficoltà presenti". "La crisi di Acmar è iniziata da tempo, ma ha visto precipitare gli eventi all'inizio del 2015, quando il 24 febbraio è stata depositata la richiesta di concordato in bianco - precisano i sindacati -. Dopo vari rinvii la data dell'adunanza dei creditori è stata fissata per il prossimo 22 aprile, ma prima di tale appuntamento la Direzione ha deciso, in modo unilaterale e completamente inaspettato, di disdettare tutti i contratti aziendali in vigore".

"Nonostante esistano relazioni sindacali consolidate con la cooperativa - dichiara Davide Conti della Fillea Cgil - non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione preventiva e abbiamo ricevuto una raccomandata con la decisione di azzerare tutta la storia sindacale fatta di conquiste e diritti. Questa è una nuova tegola sui lavoratori che si somma alle tante incertezze e preoccupazioni sul futuro. La cooperativa già da 4 anni ha dichiarato un esubero di 130 lavoratori tra operai e impiegati che si è riuscito a evitare con i contratti di solidarietà e la cassa integrazione straordinaria, questa però scade il prossimo 28 ottobre e a oggi non si conoscono le intenzioni future".

“Nel piano concordatario - continua Conti - è previsto alla fine della cassa integrazione straordinaria il licenziamento del personale in esubero. Oggi la cooperativa ha 260 lavoratori di cui la metà risulta sospesa dal lavoro con l'intervento degli ammortizzatori. La situazione è molto preoccupante, anche perché non si vede un piano industriale e di rilancio della cooperativa che possa far pensare ad un miglioramento della situazione occupazionale prima della scadenza di ottobre. I lavoratori sono molto preoccupati e vivono una situazione di forte disagio diventata rabbia con la conoscenza della disdetta dei contratti aziendali che si somma alle altre iniziative aziendali non condivisibili, come l'assunzione di nuovi lavoratori in cantieri fuori dal Ravennate per mansioni di persone che oggi sono in cassa integrazione. Tutto questo mentre molti sono in cassa integrazione a zero ore con meno di 800 euro al mese e con due mesi di retribuzione non pagati, i quali saranno liquidati, secondo il piano concordatario, solo alla fine del 2018".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per tutti questi motivi l'assemblea ha deliberato lo stato di agitazione con un pacchetto di ore di sciopero che verranno programmate dopo l'adunanza dei creditori del 22 aprile, se da parte della cooperativa non arriverà il ritiro della sospensione unilaterale del contratto aziendale e rassicurazioni sul futuro dei lavoratori. “Quello che chiediamo alla cooperativa - conclude Conti - è il ripristino di corrette relazioni con il ritiro della disdetta dei contratti aziendali e risposte sul futuro che evitino i licenziamenti previsti e il ridimensionamento di questa importante realtà”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Dopo 56 anni e 3 generazioni chiude lo storico supermercato: "A quell'epoca in paese c'erano 4 negozi"

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • A 26 anni 'sfida' il Covid e apre una pizzeria: "Faremo una pizza 'diversamente napoletana'"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento