menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agricoltura "gelata", il sindaco scrive alla Ministra Bellanova: "Attivare ulteriori risorse"

Il sindaco Michele de Pascale ha inviato una lettera alla ministra dell'Agricoltura Teresa Bellanova sui danni al comparto frutticolo determinati dalle gelate

Il sindaco Michele de Pascale ha inviato una lettera alla ministra dell'Agricoltura Teresa Bellanova sui danni al comparto frutticolo determinati dalle gelate. "Le scrivo per manifestarle anch’io la mia preoccupazione in relazione agli effetti delle recenti gelate, che hanno determinato su tutto il comparto frutticolo ingentissimi danni, in modo particolare nella provincia di Ravenna - si legge nella missiva - Si tratta di un settore enormemente rilevante per il nostro territorio, anche e soprattutto sotto il profilo occupazionale. La gelata è stata così forte che anche i sistemi attivi di difesa (antibrina, ventoloni, reti) non sono stati assolutamente efficaci nel proteggere le colture. Solo a titolo di esempio, per le drupace (pesche nettarine, albicocche, susine) e i kiwi si sono segnalati danni che arrivano a coinvolgere il 100% del raccolto. Naturalmente questo aspetto di grande criticità va a sommarsi alla situazione di profonda difficoltà determinata dall’emergenza Covid-19, mettendo in serio pericolo la sopravvivenza delle aziende agricole, se non si riesce a trovare, quanto prima, sostegni economici diretti".

"Siamo consapevoli che la gelata è una calamità assicurabile - continua de Pascale - ma mi premere condividere con lei alcune riflessioni relativamente alla concreta attivazione di tali strumenti assicurativi a garanzia dei produttori in questo particolare frangente: molte compagnie assicurative hanno ridotto la disponibilità di tale polizza nel loro portafoglio, con peggioramento delle condizioni economiche; limitazioni e difficoltà nella copertura delle polizze con esclusione del gelo; difficoltà di molti produttori, causa Covid-19, a predisporre tutta la burocrazia necessaria alla istruzione delle polizze stesse. Chiedo dunque anch’io un’urgente valutazione complessiva su possibili interventi finalizzati ad indennizzare i produttori colpiti, con ricorso a forme straordinarie di compensazione in deroga al dlgs 102/04, anche ricercando altri strumenti e/o l’attivazione di ulteriori risorse nel quadro degli aiuti di Stato che potrebbero essere previsti in questa situazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento