menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agricoltura, la cooperazione romagnola incontra il sottosegretario Alessandra Pesce

Lo stabilimento di Bagnacavallo della cooperativa Agrintesa è stato visitato da Alessandra Pesce, Sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo (Mipaaft) con delega all’ortofrutta

A pochi mesi dall’insediamento del Governo e in pieno svolgimento della campagna di raccolta, la cooperazione agroalimentare romagnola apre le porte delle sue strutture ai nuovi rappresentanti istituzionali, per fare conoscere le eccellenze del sistema regionale e nazionale. È quanto accaduto venerdì mattina allo stabilimento di Bagnacavallo della cooperativa Agrintesa, visitato per l’occasione da Alessandra Pesce, Sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo (Mipaaft) con delega all’ortofrutta. Ad accompagnare l’esponente di Governo erano presenti, tra gli altri, il presidente di Agrintesa, Raffaele Drei, il presidente di Apo Conerpo, Davide Vernocchi, il presidente nazionale di Confcooperative e di Conserve Italia, Maurizio Gardini, il sindaco di Bagnacavallo, Eleonora Proni.

“È fondamentale – sottolinea il presidente di Apo Conerpo, Davide Vernocchi – che anche le Istituzioni, a partire dal Governo nazionale, conoscano da vicino la filiera integrata rappresentata dalla cooperazione agroalimentare, che va dai soci produttori alle cooperative di conferimento fino alla nostra industria di trasformazione, Conserve Italia, e che comprende al suo interno anche i canali commerciali. La visita è stata una proficua occasione per presentare al sottosegretario peculiarità ed esigenze di questo comparto fondamentale del made in Italy. Nel corso della mattinata sono state illustrate alla Pesce le principali istanze del comparto, a partire dalla richiesta di istituire il catasto ortofrutticolo e dalla necessità di ampliare il mercato estero ed abbattere le barriere fitosanitarie; è stata sottolineata inoltre l’esigenza di maggiori controlli da parte delle autorità per salvaguardare l’origine dell’ortofrutta made in Italy, simbolo di qualità e naturalità, bloccando e sanzionando chi propone il prodotto estero come italiano. Questo incontro è propedeutico alla convocazione del Tavolo Ortofrutticolo, più volte richiesta dalla cooperazione, in programma il 27 settembre presso il Ministero”.

“L’ortofrutta costituisce l’ossatura del nostro agroalimentare ed è una filiera competitiva – ha dichiarato il Sottosegretario Alessandra Pesce - grazie agli investimenti e alle strategie di aggregazione che gli operatori hanno intrapreso. La mia visita è stata proprio finalizzata a comprendere le potenzialità e le criticità del settore, in modo tale da discutere in maniera concreta di quanto ci aspetta per il rafforzamento della filiera, avviando una più stretta collaborazione. La riunione del tavolo ortofrutta che ho ritenuto di convocare per il 27 settembre, costituisce il primo passo per il dialogo e il confronto”.

IMG_5569-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento