menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al mercato contadino di Coldiretti arrivano le ciliegie a chilometro zero

Con la Fase due, dunque, si arricchisce la gamma di prodotti contadini in vendita al Mercato di via Canalazzo 59

Nel primo weekend dopo il lungo periodo di quarantena che ha costretto gli italiani nelle case e stravolto i consumi alimentari con il boom negli acquisti di conserve di tonno (+17%), ortaggi surgelati (+28%) e legumi in scatola (+36%) secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea, al Mercato Contadino coperto di Campagna Amica Ravenna arrivano le prime ciliegie a km zero. “Acquistare prodotti a chilometri zero, come ad esempio le ciliegie appena colte nella campagna ravennate – commenta il direttore di Coldiretti Ravenna, Assuero Zampini - è un segnale di attenzione al proprio territorio, alla tutela dell’ambiente e del paesaggio che ci circonda, ma anche un sostegno all’economia e all’occupazione locale in un momento di difficoltà”.

Con la Fase due, dunque, si arricchisce la gamma di prodotti contadini in vendita al Mercato di via Canalazzo 59, aperto il martedì e sabato (ore 8.30-13) e il venerdì (14.30-19). Qui i consumatori possono acquistare il meglio della dieta mediterranea, simbolo di salute e longevità: frutta e verdura di stagione, carne, olio extravergine, miele, uova, vino, pane, pizza, pasta fresca, latte, formaggi, farine fino a piante aromatiche e fiori. Nel Mercato di Campagna Amica sono state adottate tutte le precauzioni per garantire la sicurezza di operatori e clienti con la disponibilità di disinfettanti, l’invito a non toccare la merce e ingressi contingentati per evitare affollamenti ma anche iniziative per la consegna a domicilio e il ‘ritiro veloce’ della spesa.

Al Mercato è possibile anche trovare specialità del passato a rischio di estinzione che sono state salvate grazie all’importante azione di recupero degli agricoltori e che non trovano spazi nei normali canali di vendita, dove prevalgono rigidi criteri dettati dalla necessità di standardizzazione e di grandi quantità offerte. L’alta qualità dei prodotti più freschi, saporiti e genuini è la principale ragione di acquisto diretto dall’agricoltore per il 71% dei consumatori, seguita dalle garanzie di sicurezza e dalla ricerca di prodotti locali che salgono sul podio delle motivazioni seguite dalla convenienza economica, secondo l’Indagine realizzata da Coldiretti/Ixè.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento