rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Economia

Assemblea Acmar, il sindaco: "Sostegno all'edilizia e alle infrastrutture"

Afferma Matteucci: "Contiamo in collaborazione con i rappresentanti delle categorie produttive e delle professioni attinenti il settore edile e delle costruzioni di presentarla entro pochi mesi al fine di velocizzare il più possibile tempi e rapporti con la pubblica amministrazione"

Sabato mattina Fabrizio Matteucci e Giannantonio Mingozzi sono intervenuti all’Assemblea ordinaria di fine anno del gruppo Acmar che si è svolta al Pala De Andrè. “L’amministrazione comunale sta approntando una proposta complessiva in materia di revisione del regolamento edilizio e di tutte le procedure che attengono all’esame dei progetti, al rilascio delle concessioni e a quanto contenuto nella nuova legge regionale, ha detto Matteucci.

"Contiamo in collaborazione con i rappresentanti delle categorie produttive e delle professioni attinenti il settore edile e delle costruzioni di presentarla entro pochi mesi al fine di velocizzare il più possibile tempi e rapporti con la pubblica amministrazione - ha proseguito il primo cittadino -. Tutto il sostegno che possiamo offrire al settore dell’edilizia anche nel nostro comune è fondamentale per la ripresa dell’economia perché nell’insieme il settore delle costruzioni coinvolge più del 30% degli occupati e della forza lavoro del nostro territorio, dalle imprese edili a quelle artigianali, dell’impiantistica e delle infrastrutture”.

Proprio sulle infrastrutture e sul porto è intervenuto il vicesindaco che si è detto ottimista “dopo il responso del CIPE e del Governo sulla possibilità che entro breve si apra la fase operativa per realizzare almeno il tratto di interesse ravennate e ferrarese della nuova E55; concordiamo con il presidente dell’Autorità Portuale Di Marco che non possiamo permetterci alcun ritardo nell’avvio dei lavori di approfondimento dei fondali per utilizzare a dovere i 60milioni stanziati dal Governo e la disponibilità del mutuo contratto con la BEI, perché sono opportunità di lavoro che si rivolgono anzitutto alle imprese ravennati e determinano una prospettiva di lungo periodo per il nostro porto: per questo ci stiamo impegnando per risolvere le ultime problematiche ancora aperte".

"In quanto poi - ha concluso Mingozzi alla ventilata ipotesi di accorpare l’Autorità Portuale di Ravenna con qualche vicino di casa mi sembra un’idea da respingere al mittente e quasi provocatoria ; viene avanzata proprio oggi quando l’Autorità Portuale di Ravenna sta diventando più competitiva, stiamo conseguendo buoni risultati sul fronte della ripresa dei traffici e dal punto di vista dei costi la nostra Autorità Portuale si mantiene al di sotto dei parametri medi di spesa corrente e di personale di tutte le Autorità Portuali italiane".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assemblea Acmar, il sindaco: "Sostegno all'edilizia e alle infrastrutture"

RavennaToday è in caricamento