Domenica, 19 Settembre 2021
Economia

Autofficina abusiva chiusa dalla polizia: "Bene il contrasto alla concorrenza sleale"

Cna e Confartigianato soddisfatte per l'azione della Polizia Locale: "L'abusivismo distrugge posti di lavoro e sottrae risorse alla comunità"

Cna e Confartigianato esprimono grande soddisfazione per l'operazione della Polizia Locale di Ravenna che ha individuato e messo i sigilli a un’officina abusiva a Piangipane. “Questa operazione – hanno dichiarato i responsabili di Cna Autoriparazione Franco Ventimiglia e Confartigianato Autoriparazione Giancarlo Gattelli – è molto importante, in quanto testimonia l’attenzione delle Istituzioni sul fronte non solo della sicurezza stradale, messa in pericolo da interventi spesso estemporanei e realizzati senza le necessarie professionalità, attrezzature ed attenzioni, ma anche a contrastare una concorrenza sleale che provoca danni enormi alle imprese regolari, distrugge posti di lavoro e sottrae risorse alla Comunità. Senza poi contare l’ulteriore e probabile danno ambientale, perché gli abusivi difficilmente smaltiscono regolarmente rifiuti e materiali esausti, proprio per non essere individuati”.

Confartigianato e CNA lanciano anche un appello a tutti i cittadini a non rivolgersi ad operatori abusivi, e a tutelare il lavoro regolare e le imprese che, ogni giorno, lavorano onestamente contribuendo allo sviluppo e alla tenuta del nostro tessuto sociale. Le due associazioni ricordano inoltre che da alcuni anni, su tutto il nostro territorio, è attivo un Protocollo di Intesa contro l’abusivismo fra i Comuni della provincia di Ravenna e le Associazioni dell'artigianato, sulla base del quale sono state messe a disposizione dei cittadini e degli imprenditori due indirizzi di posta elettronica stopabusivismo@ra.cna.it e stopabusivismo@confartigianato.ra.it per segnalare con una e-mail possibili casi di abusivismo riguardanti tutte le attività artigianali, dai servizi alla persona all’edilizia, dal giardinaggio all’impiantistica. Queste segnalazioni, dopo una prima verifica, verranno poi trasmesse, in forma anonima, dalle Associazioni artigiane alle Forze dell’Ordine che sono impegnate ad effettuare i controlli.

Nel rilanciare, quindi, l’appello a vincere ogni forma di omertà, CNA e Confartigianato chiedono ai cittadini di fare un grande salto culturale, superando quelle forme di connivenza che stanno alla base del rapporto tra abusivo e consumatore poco attento alla sicurezza e alla qualità delle prestazioni e dei prodotti. Solo il rispetto delle regole ed un tessuto economico sano, d’altronde, possono garantire un corretto sviluppo della nostra società civile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autofficina abusiva chiusa dalla polizia: "Bene il contrasto alla concorrenza sleale"

RavennaToday è in caricamento