Martedì, 19 Ottobre 2021
Economia Cervia

Turismo, commercio e cultura: la Regione mette a disposizione 15 milioni di euro

Al bando possono partecipare le imprese individuali, le società (di persone, di capitale, cooperative), le fondazioni e le associazioni di imprese con caratteristiche di piccole e medie

Con l’obiettivo di rilanciare l’attrattività turistica del territorio, la Regione Emilia-Romagna mette a disposizione quasi 15 milioni di euro in contributi a fondo perduto dal 10 al 40% per interventi di qualificazione turistica, commerciale, culturale. Il bando aprirà il 10 gennaio e, da quel momento, si potranno presentare i progetti. Per illustrare i contenuti del bando la Cna organizza un incontro che si terrà a Cervia, lunedì, alle ore 14.45, nella sala Palazzina Uffici Tecnici del Comune in via XXV Aprile. Dopo l’intervento di Mirco Bagnari, consigliere della Regione Emilia-Romagna, Nevio Salimbeni e Massimo Maretti, rispettivamente responsabile Commercio e Turismo Cna Ravenna e Ufficio Bandi e Incentivi Cna Ecipar spiegheranno in dettaglio le opportunità offerte dal bando. Al termine, spazio per domande e interventi del pubblico.

Al bando possono partecipare le imprese individuali, le società (di persone, di capitale, cooperative), le fondazioni e le associazioni di imprese con caratteristiche di piccole e medie. I progetti dovranno contribuire a creare nuove opportunità di sviluppo e di occupazione qualificata in attività turistico/culturali tramite la realizzazione d’interventi che colgano le seguenti priorità: wellness (turismo balneare, sportivo, emozionale, relax, salute e corretti stili di vita); valorizzazione del patrimonio culturale, ambientale e delle città; promozione del turismo sostenibile e inclusivo; valorizzazione e promozione dell’enogastronomia e delle tradizioni produttive artigianali e locali; valorizzazione e promozione della cultura e delle tradizioni culturali, produttive e artigianali locali;

Inoltre dovranno caratterizzarsi per almeno uno dei seguenti aspetti: un elevato contenuto creativo e/o di design; l’utilizzo delle tecnologie e delle applicazioni digitali; l’utilizzo di soluzioni tecnologiche avanzate; il collegamento e rapporto con processi di filiera nella logica di integrazione; l’applicazione di modelli innovativi rispetto alla comunicazione, alla promozione, alla innovazione sociale, alla inclusione e all’integrazione; l’attivazione o l’incentivazione di nuovi segmenti di domanda.

Sono ammesse spese per opere edili, murarie e impiantistiche; progettazione, direzione lavori e collaudo connessi agli interventi; acquisto di macchinari, attrezzature, impianti opzionali, finiture, arredi e dotazioni informatiche; acquisto di software e relative licenze d’uso, funzionali all’attività, compresi la realizzazione dei siti internet ed e-commerce, di marchi e/o brevetti; acquisto di servizi di consulenza finalizzati alla realizzazione del progetto. Le domande andranno presentate, prima dell’avvio dell’investimento, dal 10 gennaio al 28 febbraio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, commercio e cultura: la Regione mette a disposizione 15 milioni di euro

RavennaToday è in caricamento