menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bar e ristoranti ripartono: "Ma 4 su 10 non hanno posti all'aperto. Riaprirli anche al chiuso"

Da un monitoraggio di Confcommercio, infatti, circa il 40% dei bar e ristoranti del nostro territorio non ha potuto e non può ‘sfruttare’ questa possibilità

Da lunedì, con il ritorno in zona gialla, bar e ristoranti ravennati hanno ripreso l’attività, anche se limitata ai solo posti disponibili all’aperto. Ma non per tutti è così. Da un monitoraggio di Confcommercio, infatti, circa il 40% dei bar e ristoranti del nostro territorio non ha potuto e non può ‘sfruttare’ questa possibilità, perché non sono dotati di spazi all’aperto per conformazione strutturale o perché ubicati su strade che non consentono di utilizzare suolo pubblico.

“Ora serve un ulteriore sforzo, vorrei dire coraggio, per far lavorare anche i locali che non hanno la possibilità di allestire spazi all’aperto - afferma Mauro Mambelli, presidente di Confcommercio provincia di Ravenna - Si pensi, ad esempio, a quelle attività che non hanno cortile interno e sono in aderenza a strade di grande traffico con un marciapiede che non consente il posizionamento di tavoli e sedie. Dopo quasi un anno e mezzo di restrizioni non si può discriminare ulteriormente la categoria dei pubblici esercizi, imponendo regole diverse per imprese dello stesso settore. E’ fondamentale mettere in moto anche gli esercizi che hanno solo spazi interni, che non hanno e non possono avere dehor o verande. I protocolli di sicurezza sanitaria sono stringenti e la categoria li sta applicando: noi chiediamo che venga consentita la riapertura anche dei locali al chiuso per non creare situazioni di diseguaglianze e rabbia e perché non c’è più tempo da perdere. Inoltre, per le attività che non possono ancora riaprire sono necessari indennizzi adeguati per consentire loro di superare un periodo difficile, che mette in serio pericolo la sopravvivenza stessa delle imprese. Sarebbe un bel segnale per le imprese che sono esauste e che hanno bisogno di lavorare per sopravvivere, sempre nel pieno rispetto della sicurezza della nostra clientela”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento