rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Economia

Dalla bieticoltura nuove opportunità di crescita per l’intera agricoltura ravennate

Dalmonte (Coldiretti): "Il grande lavoro per costruire una forte filiera tricolore dello zucchero non solo sta dando risultati concreti, ma ora apre nuove prospettive reddituali e di sviluppo per l’intera agricoltura ravennate"

Coprob, produttore cooperativo di zucchero a filiera tutta italiana, ha rilanciato sul territorio una coltura ‘storica’ come la barbabietola da zucchero e ora, sempre attraverso l’esperienza e la professionalità degli agricoltori locali, punta a crescere ulteriormente offrendo nuove opportunità di sviluppo ai coltivatori.

Forte di un marchio come ‘Italia Zuccheri’, e alla luce dell’apprezzamento crescente da parte di un mercato che vede aumentare parallelamente la richiesta di zucchero 100% Made in Italy e l’attenzione alla sostenibilità e all’etica, Coprob sta investendo in nuove tecnologie, ricerca, marketing e sviluppo per consolidare ulteriormente la bieticoltura emiliano-romagnola. Un processo-progetto di crescita, questo, che pone al centro il bieticoltore e che con la nuova Politica Agricola Comune (Pac) è pronto ad accelerare ulteriormente.

Per conoscere meglio le opportunità offerte dalla coltura nel 2023 ed approfondire le tematiche tecnico-operative, di prezzo e di prospettiva, alla luce in particolare della nuova Pac 2023-2027, Coldiretti Ravenna ha organizzato in sinergia con Coprob, presso la sede Agrisol di Bagnacavallo, un incontro aperto a tutti gli associati interessati.

In apertura Luigi Maccaferri, consigliere Coprob/Italia Zuccheri, ha presentato il nuovo piano di filiera che punta alla crescita in questa campagna saccarifera 2023 partendo da una costante: "Prezzi semplificati e certi per i produttori". Tradotto in euro, la cooperativa assicura 48 euro/tonnellata (con una polarizzazione a 16°) cui va poi aggiunto il premio accoppiato della Pac (circa 700 euro/ettaro pari a 12 euro la tonnellata) arrivando quindi a 60 euro per la bietola convenzionale che diventano 90 per la biologica. Si tratterebbe di un prezzo garantito, che non può scendere ma solo aumentare se la qualità è maggiore.

E proprio sul fronte della qualità e produttività della bietola, negli anni, ha rimarcato Maccaferri, si sono fatti passi da gigante attraverso la ricerca genetica, le tecniche produttive e di precision farming, l’irrigazione intelligente. “Ciò – gli ha fatto eco Domenico Calderoni, consigliere Coprob e presidente Coldiretti Bassa Romagna - ha consentito, anche nel nostro territorio, di sviluppare una bieticoltura specializzata, quella che oggi è lo stesso mercato a premiare, una coltura che oltre a garantire redditualità, rappresenta una grande opportunità per la produttività dei nostri terreni in rotazione con i cereali”.

A tracciare poi gli orizzonti di sviluppo della bieticoltura ci ha pensato il direttore agricolo di Coprob, Massimo Cenacchi: “E’ opportuno inserire il nostro progetto in un contesto caratterizzato da una nuova Pac che andrà a premiare proprio queste tipologie colturali e da una volatilità sempre più importante dei mercati. È allora evidente che la barbabietola diventa una risorsa sia per via di un prezzo garantito già alla semina, per la sua ottima produttività e per le opportunità di rotazione e diversificazione delle produzioni che assicura”.

Chiusura affidata al Presidente di Coldiretti Ravenna, Nicola Dalmonte: “Quello delle zucchero 100% Made in Italy e quindi il ritrovato interesse per la bieticoltura non è un ritorno al passato – ha detto - ma una richiesta da parte di un mercato che preferisce acquistare un prodotto nazionale, sicuro e sostenibile, anziché comprarlo da Paesi che sfruttano la manodopera o utilizzano prodotti chimici nocivi e proibiti in Italia. È evidente, quindi, che il grande lavoro fatto da Coldiretti e Coprob per costruire una forte filiera tricolore dello zucchero non solo sta dando risultati concreti, ma ora apre nuove prospettive reddituali e di sviluppo per l’intera agricoltura ravennate. Ecco, allora – ha concluso -  che gli uffici di Coldiretti Ravenna sono a disposizione di tutti gli Associati e gli interessati al fine di fornire informazioni puntuali sulle opportunità offerte dalla bieticoltura 4.0”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla bieticoltura nuove opportunità di crescita per l’intera agricoltura ravennate

RavennaToday è in caricamento