Caso tassa di soggiorno, Ravenna Entrate: "A breve partiranno i controlli sul 2019"

Ravenna Entrate, società “in house” del Comune di Ravenna, interviene sul caso dell'applicazione e dei controlli sull'imposta di soggiorno, tributo gestito appunto dalla stessa società

Ravenna Entrate, società “in house” del Comune di Ravenna, interviene sul caso dell'applicazione e dei controlli sull'imposta di soggiorno, tributo gestito appunto dalla stessa società. "Abbiamo agito nel rispetto totale delle norme e delle tempistiche fissate dalla legge, in un contesto normativo chiarito dal legislatore e dalla giurisprudenza solo tra il 2017 e il 2018 - spiegano da Ravenna Entrate - Sostanzialmente sono state definite quali fossero le tipologie di controllo e conseguenti azioni da intraprendere da parte delle amministrazioni nei confronti di chi non avesse rispettato integralmente gli obblighi di legge in materia di imposta di soggiorno, anche nei confronti degli albergatori, qualificati come agenti contabili. In caso di mancato riversamento delle somme incassate nei conti dell'amministrazione pubblica, il reato a essi contestabile, secondo la prevalente giurisprudenza, è il peculato, con denuncia penale all'autorità giudiziaria competente, oltre alle azioni per il recupero delle somme dovute all'amministrazione pubblica. In buona sostanza, Ravenna Entrate ha avviato l'attività di accertamento sull'imposta di soggiorno a intervenuta definizione normativa e giurisprudenziale del quadro complessivo, previo incontro con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative del settore cui sono state illustrate modalità e linee di intervento operative. Tutte le azioni sono state compiute e gli atti notificati entro i termini fissati dalla legge".

"Ravenna Entrate ha fatto, in un certo senso, da apripista anche a favore di altri comuni cui il protocollo di lavoro è stato illustrato, in un contesto normativo che, come detto, è stato definito chiaramente soltanto nell'ultimo biennio - continuano dalla società - Abbiamo notificato atti di recupero per le annualità 2017 e precedenti per un totale di circa 800.000 euro, elaborando gli atti per l'autorità giudiziaria e collaborando con la Guardia di Finanza, il tutto nel rispetto integrale del quadro normativo venuto ad evolversi nel contempo. L'attività di recupero, da parte di Ravenna Entrate, sta riprendendo a pieno ritmo, dopo il rallentamento a causa del Covid-19. L'attività di accertamento è attività straordinaria, rispetto a quella di riscossione ordinaria, ed è organizzata annualmente, per tipologie e per ciascun tributo, nel quadro degli obiettivi fissati per ciascuna delle entrate gestite. Riguardo all'imposta di soggiorno, a breve Ravenna Entrate procederà con il completamento delle liquidazioni e del controllo dichiarazioni per l'anno 2018, e con l'avvio dei controlli per l'anno 2019 e relativa notifica atti. A tal riguardo si vuole porre l'accento sulla correttezza degli atti fino a ora notificati. La rettifica o l'annullamento di alcuni di essi è conseguito alla rettifica, da parte di alcuni utenti, delle proprie dichiarazioni trimestrali (non corrette) in precedenza trasmesse a Ravenna Entrate, oppure per versamenti effettuati su conti correnti errati, non intestati a Ravenna Entrate ma ad altri enti. È bene sottolineare, al riguardo, che Ravenna Entrate non è solita cambiare Iban su cui effettuare i versamenti senza adeguata pubblicizzazione, le pagine del sito web sono da sempre estremamente chiare e aggiornate, così come la comunicazione e il rapporto con l'utenza che stanno alla base del rapporto di collaborazione tra le parti, amministrazione e cittadini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A tal riguardo - aggiunge il sindaco Michele de Pascale - ci tengo a comunicare che la gestione dei tributi è materia complessa ed estremamente delicata. Nessuno può, con onestà intellettuale, sostenere che questa amministrazione possa aver favorito o sfavorito un singolo contribuente, rispetto ai suoi rapporti con Ravenna Entrate, né per ragioni politiche, né per altre ragioni. Per questa amministrazione Ravenna Entrate, società a intero capitale pubblico del Comune di Ravenna, rappresenta una eccellenza riconosciuta in maniera diffusa anche da altri enti, che ha assicurato importanti risultati nella gestione dei tributi locali e nell’ambito del recupero dell’evasione nel rispetto della certezza del diritto applicabile. Ho letto di Iban e conti correnti variati come se qualcuno si possa divertire a creare difficoltà al contribuente, cosa da escludere. La verità è che se qualcuno sbaglia gli estremi di un pagamento che confluisce presso altri conti correnti, occorre che si faccia evidentemente carico di dimostrare l’avvenuto erroneo versamento, come succede in tutte le situazioni in ambito pubblico o privato. Anche nel periodo dell’emergenza Covid i cittadini e le imprese hanno potuto beneficiare di azioni prontamente attuate con il contributo tecnico e amministrativo di Ravenna Entrate in campo tributario non sempre attuate da altri Enti (es. proroga dei termini di versamento e di numerose imposte fra le quali l‘imu e interventi in riduzione di altre). Gli organi politici non vengono ovviamente coinvolti nelle scelte, esclusivamente tecniche, rispetto alle attività di accertamento e riscossione che possono riguardare qualunque cittadino. Fino a che sarò sindaco mi batterò contro qualsiasi forma di favoritismo o sfavoritismo, o ovviamente di ingiusto accanimento, contro le imprese e i cittadini, che naturalmente devono rispettare le regole, ma devono trovare sempre un'amministrazione disponibile al dialogo, nel rispetto della legalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • Ritrovato nei boschi dopo tre giorni insieme al suo fedele cane: "Nelle ore più fredde ci scaldavamo vicini"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • A 91 anni fa il Giro d'Italia in barca a vela: "Mettetevi in gioco, è la paura che fa invecchiare"

  • Violento scontro all'incrocio, mezzi distrutti: una famiglia all'ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento