rotate-mobile
Economia

Cattura e stoccaggio di CO2: il progetto di Eni a Casal Borsetti partirà nel 2024

Eni accelera sul progetto che prevede nella Fase 1 la cattura di 25mila tonnellate di CO2 dalla centrale Eni di trattamento di gas naturale di Casal Borsetti. Nella Fase 2 lo stoccaggio salirà a 4 milioni di tonnellate

Ulteriore passo in avanti per il progetto di cattura e stoccaggio di CO2 (Ccs) di Eni sulla costa ravennate. Dopo l'accordo stretto fra Eni e Snam per lo sviluppo e la gestione della Fase 1 del Progetto Ravenna, la società del 'Cane a sei zampe' ha annunciato che l'avvio della Fase 1 è programmato per l'inizio del 2024. Presentando il piano 2023-2026, Eni ha fatto sapere che la tecnologia Ccs "contribuirà a ridurre le emissioni nette di Eni e a fornire una soluzione per altri emittenti hard to abate, oltre al settore energetico".

La Fase 1 del Progetto Ravenna Ccs prevede la cattura di 25mila tonnellate di CO2 dalla centrale Eni di trattamento di gas naturale di Casal Borsetti. Una volta catturata, la CO2 sarà convogliata verso la piattaforma di Porto Corsini Mare Ovest e infine iniettata nell’omonimo giacimento a gas esaurito, nell’offshore ravennate. Nella Fase 2, che potrebbe prendere il via verso il 2027, si prevede invece lo stoccaggio di 4 milioni di tonnellate di CO2 per contribuire alla decarbonizzazione delle acciaierie, dei cementifici, delle industrie della ceramica e della chimica e più in generale dei settori “hard to abate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cattura e stoccaggio di CO2: il progetto di Eni a Casal Borsetti partirà nel 2024

RavennaToday è in caricamento