Cimice asiatica, strategie condivise per salvare le colture frutticole

Da alcuni anni infatti si registra nel territorio italiano la presenza di questo insetto che sta creando danni all’agricoltura

L’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha approvato il documento elaborato dal Tavolo Verde della Provincia di Ravenna, che comprende CIA Romagna, Confagricoltura Ravenna, Coldiretti Ravenna, Copagri Ravenna, UGC Cisl Ravenna, AGCI Emilia-Romagna, Confocooperative Ravenna-Rimini e Legacoop Romagna, finalizzato a salvaguardare le colture frutticole del territorio dall’emergenza della cimice asiatica, condividendone i contenuti e le preoccupazioni.

Da alcuni anni infatti si registra nel territorio italiano la presenza di questo insetto che sta creando danni all’agricoltura: la mancata attivazione di misure risolutive dell’emergenza - si legge nel documento del Tavolo Verde - provocherà una serie di effetti gravi, da una riduzione della aziende agricole alla riduzione delle biodiversità vegetali fino al crollo di produzioni frutticole di grande quantità. La Giunta dell’Unione ha pertanto approvato il documento ritenendolo ampiamente condivisibile, impegnandosi ad attivarsi a tutela degli interessi dei cittadini e delle imprese agricole del territorio e sollecitando inoltre il Parlamento ed il Governo allo stanziamento dei fondi necessari per il risarcimento dei danni subiti dalle imprese e alla diffusione più rapida possibile dell’insetto antagonista per limitare la diffusione della cimice asiatica.

Saranno inoltre avviate delle azioni per sensibilizzare l’opinione pubblica e per spingere le istituzioni regionali e nazionali ad avviare un serio piano d’azione per contrastare la diffusione della cimice, che si inseriranno nel contesto del Piano Piano regionale per il contrasto alla cimice asiatica, avviato dalla Regione Emilia-Romagna. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito della Regione Emilia-Romagna.

“La politica locale ha dimostrato grande sensibilità schierandosi al fianco degli agricoltori e di un comparto, quello frutticolo, che senza il sostegno delle istituzioni - Comuni, Regione Emilia-Romagna, Governo nazionale e Unione Europea, rischia davvero di finire in ginocchio, con tutte le ricadute occupazionali e sociali del caso”. Così il Presidente Coldiretti Ravenna, Nicola Dalmonte, commenta le delibere appena licenziate dalle giunte della Romagna Faentina e dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, atti importanti al fine di tutelare l’agricoltura ravennate dal flagello cimice asiatica. 

"Nelle settimane passate abbiamo incontrato le Giunte e i rispettivi Presidenti illustrando quanto attivato attivato insieme al Tavolo Verde provinciale per ottenere il ristoro dei danni patiti dalle imprese, nonché le misure necessarie per combattere questo insetto che nella sola Emilia-Romagna ha già provocato danni per 250 milioni di euro. Siamo lieti, dunque, che l'azione di sensibilizzazione avviata da Coldiretti a tutti i livelli abbia già dato i primi risultati, a partire dallo stanziamento nella legge di bilancio di un pacchetto di aiuti da 80 milioni in favore delle aziende danneggiate insieme alla possibilità di una moratoria sui mutui – aggiunge Dalmonte – Ora, però, anche con il supporto e la collaborazione delle istituzioni locali, occorre lavorare per dare attuazione al potenziamento della difesa fitosanitaria e della ricerca atta a trovare ogni possibile soluzione a contrasto della diffusione e della permanenza della cimice asiatica, a partire dall'immediata introduzione in campo degli insetti antagonisti. Come altrettanto indispensabile è la revisione dei disciplinari produttivi e l'attuazione di modalità di intervento automatico a livello comunitario di fronte al moltiplicarsi dell’arrivo di parassiti alieni favoriti dai cambiamenti climatici e dalla globalizzazione degli scambi”. In questo contesto serve soprattutto un cambio di passo nelle misure di prevenzione a livello comunitario dove una politica europea eccessivamente permissiva consente troppo spesso l’ingresso di prodotti agroalimentari e florovivaistici nell’Ue senza che siano applicate le cautele e le quarantene che devono invece superare i nostri prodotti nazionali quando vengono esportati. In gioco c’è il futuro della nostra frutticoltura e dei tanti giovani che hanno investito e stanno tuttora investendo in agricoltura, è evidente dunque l’importanza che assumono, non solo in termini economici, ma anche occupazionali e quindi sociali, tutti questi interventi a difesa delle produzioni e del reddito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Tra strozzapreti e cappelletti: tanti ristoranti ravennati nella Guida Michelin 2020

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

Torna su
RavennaToday è in caricamento