menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confartigianato, Emanuela Bacchilega è il nuovo presidente provinciale

La neo presidente analizza il momento drammatico per le imprese: "Circa il 30% delle aziende rischiano di non riuscire a ripartire"

Nell’ambito dei lavori del XVII Congresso Provinciale, il Consiglio direttivo provinciale di Confartigianato, nel corso della prima riunione dopo la nomina di tutti i suoi componenti, svoltasi giovedì sera in videoconferenza, ha eletto come nuovo Presidente provinciale, Emanuela Bacchilega. Titolare del Calzaturificio Emanuela a Bagnacavallo, Emanuela Bacchilega è da anni impegnata con passione nella vita dell’Associazione, ed attualmente ricopre già le cariche di Presidente regionale e componente della Giunta Esecutiva nazionale del Movimento Donne Impresa di Confartigianato.

I nuovi vertici di Confartigianato della provincia di Ravenna sono quindi completati da tre vicepresidenti: Lara Gallegati in rappresentanza di Confartigianato Unione dei Comuni della Bassa Romagna, Raffaele Lacchini per Confartigianato Sezione di Ravenna e Umberto Campalmonti per Confartigianato Unione della Romagna Faentina. Il Direttivo Provinciale ha in seguito riconfermato Tiziano Samorè nella carica di segretario dell’associazione.

Nel suo intervento, Emanuela Bacchilega, dopo aver ringraziato il presidente uscente Riccardo Caroli, giunto al termine dei due mandati previsti dallo statuto dell’associazione, ha delineato brevemente gli impegni che metterà al centro del proprio mandato, che partendo inevitabilmente dalle gravi difficoltà che la pandemia ha portato alle aziende, saranno incentrati in primo luogo su un ancora maggiore impegno di Confartigianato nel rappresentare necessità e bisogni delle aziende aderenti. “In un momento storico nel quale il ruolo della rappresentanza è messo in discussione, malconsiderato o svilito – ha detto Emanuela Bacchilega – noi siamo orgogliosi di rappresentare con tutte le nostre forze e la nostra onestà intellettuale, gli interessi delle imprese aderenti, perché sono loro a essere, da sempre, la migliore risposta a favore del progresso economico e sociale del nostro territorio. Soprattutto in un momento drammatico come questo, con il 30% delle aziende che rischiano di non riuscire a ripartire”.

Nel corso della serata è intervenuto anche il Presidente Nazionale di Confartigianato, Marco Granelli, che ha aggiornato i Delegati sui principali temi che vedono quotidianamente l’Associazione confrontarsi con il Governo e le Forze politiche e sociali: “il Recovery Fund è un’occasione che non va persa per sburocratizzare il Paese, e questo è fondamentale per la competitività delle imprese e per creare lavoro. Così come stiamo facendo la nostra parte sul fronte dei vaccini, anche mettendo a disposizione le nostre aziende, perché solo con una copertura vaccinale certa, anche l’economia potrà ripartire in sicurezza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento