Contratto metalmeccanici, Confindustria: "Non rinnovo, ma rinnovamento"

"Stiamo vivendo una fase di transizione e niente sarà più come prima - ricorda Marco Chimenti, direttore generale di Confindustria Ravenna - La crisi ha prodotto effetti devastanti"

In riferimento alla trattativa sul contratto nazionale di lavoro dei metalmeccanici, Confindustria Ravenna parla di rinnovamento. “Dobbiamo prendere atto che il contesto in cui operiamo è profondamente mutato. Stiamo vivendo una fase di transizione e niente sarà più come prima - ricorda Marco Chimenti, direttore generale di Confindustria Ravenna - La crisi ha prodotto effetti devastanti: dal 2007 ad oggi il Paese ha perso il 30% della produzione industriale, il 25% della capacità produttiva e quasi 300 mila posti di lavoro. I prezzi dei prodotti industriali nel corso degli ultimi anni sono rimasti sostanzialmente fermi. Ora è necessario avviare una vera e propria ricostruzione. Serve un rinnovamento culturale per gestire il cambiamento e non subirlo”.

“Al contratto nazionale viene assegnata solo una diversa funzione, e cioè quella di assicurare condizioni economiche e sociali inderogabili per tutti i dipendenti. Il resto deve essere definito a livello aziendale dove è possibile tenere conto delle specifiche esigenze delle imprese e dei lavoratori - prosegue Chimenti - il contratto nazionale deve avere un ruolo regolatorio, di garanzia e di tutela, mentre quello aziendale, oltre a prevedere normative in grado di cogliere le esigenze specifiche, dovrebbe distribuire la ricchezza solo quando si è prodotta. I numeri ci dicono che a livello nazionale le retribuzioni sono aumentate rispetto al 2007 di circa il 24% mentre nello stesso periodo la ricchezza è diminuita di circa il 18%".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo evidentemente distribuito ricchezza pur non avendola prodotta, compromettendo la possibilità delle imprese di fare nuovi investimenti - chiosa -. non possiamo aumentare i salari quando i bilanci aziendali non lo consentono”. “Le nostre aziende sono le prime a voler aumentare le retribuzioni - conclude il direttore generale - ma è un obiettivo da raggiungere attraverso la condivisione dei risultati. Anche questa è partecipazione: responsabilizzazione, condivisione di obiettivi e risultati. Si tratta di un passaggio culturale epocale, da un concetto di costo a quello di investimento sulla persona”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento