Crisi dell'offshore: "In 5 anni già 300 lavoratori hanno perso il lavoro"

Il segretario generale nazionale Filctem Cgil, Marco Falcinelli, ha partecipato venerdì mattina al direttivo provinciale di categoria dedicato alla crisi del settore offshore

Il segretario generale nazionale Filctem Cgil, Marco Falcinelli, ha partecipato venerdì mattina al direttivo provinciale di categoria dedicato alla crisi del settore offshore.

"Ravenna sta pagando un alto prezzo, nonostante un approccio molto attento e pragmatico da parte di tutte le istituzioni, dall’amministrazione comunale e regionale al mondo scientifico universitario e sindacale - spiegano dalla Filctem - Negli ultimi 5 anni le principali service company multinazionali hanno ridotto il personale sul territorio italiano del 70% e chiuso intere divisioni, le aziende di perforazione italiane hanno ridimensionato circa il 50% del personale operativo; a Ravenna sono circa 300 i lavoratori tecnici ad alta specializzazione che hanno perso il lavoro e l'emorragia non sembra arrestarsi: le recenti vicende politiche in merito al tema delle “trivelle” hanno rallentato ulteriormente le attività di perforazione, oggi principalmente utilizzate per manutenzioni ordinarie nei campi di stoccaggio e per sporadiche chiusure minerarie. Le compagnie di perforazione stanno ricorrendo all'utilizzo della cassa integrazione, ma le giornate a disposizione termineranno tra pochi mesi".

Questi aspetti sono stati al centro del direttivo, che si è svolto nella Camera del lavoro di Ravenna, e anche dell’incontro che il segretario Falcinelli ha avuto nella mattinata col sindaco di Ravenna, Michele de Pascale: “Con il sindaco si è svolto un confronto molto costruttivo nel corso del quale abbiamo affrontato le diverse tematiche legate all’offshore e al settore dell’Oil&gas – commenta Falcinelli - Abbiamo chiesto al primo cittadino di farsi portavoce a livello istituzionale delle nostre rivendicazioni finalizzate a mettere al centro della discussione, con un’azione sinergica, il tema dell’energia in Italia. Da tempo abbiamo chiesto un incontro al ministero dello Sviluppo economico sulla questione della transizione energetica, ma ancora non c’è stata data la possibilità di confrontarci. Siamo nel mezzo di una rivoluzione energetica che va governata, perché è un tema che riguarda la sicurezza del Paese. Per l’Italia avere autonomia energetica significa possedere asset industriali importanti e anche dipendere meno da altri Paesi per l’approvvigionamento. A Ravenna si vive un paradosso: dismettiamo la perforazione e l’esplorazione sulle nostre piattaforme, ma i paesi confinanti sull’Adriatico continuano la loro attività. A livello italiano, riteniamo che nella politica non ci sia la necessaria attenzione e sensibilità rispetto alla complessità del tema. Se non risolviamo lo stallo attuale, i nostri lavoratori sono attesi da un futuro drammatico. Stiamo parlando di un settore ad alta specializzazione e rischiamo che i lavoratori più esperti e capaci vadano a lavorare fuori dal nostro Paese. Poi c’è un mondo molto numeroso di lavoratori, collegati alle imprese che ruotano attorno alle attività principali delle perforazioni, che rischiamo di perdere l’occupazione. Siamo molto preoccupati sia per i risvolti occupazionali che industriali. La discussione va affrontata nella sua complessità”.

direttivo_filctem4ottobre-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • Bancomat, Pos e carte di credito in tilt: caos per prelievi e pagamenti in tutta Italia

Torna su
RavennaToday è in caricamento