Deco Industrie, il bolognese Canè nominato nuovo amministratore delegato

Nel primo intervento, dopo il saluto del sindaco di Ravenna Michele De Pascale, il direttore finanziario, Amedeo Fanti, ha presentato i dati del bilancio d’esercizio e del bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 

Sabato si è aperta la prima assemblea Deco Industrie sotto la guida del nuovo manager Francesco Canè, davanti al board e ai soci della cooperativa romagnola. Nel primo intervento, dopo il saluto del sindaco di Ravenna Michele De Pascale, il direttore finanziario, Amedeo Fanti, ha presentato i dati del bilancio d’esercizio e del bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2018 “che confermano i buoni risultati raggiunti dal gruppo, con un fatturato cresciuto del 12% e che ha superato 160 milioni di euro”. Per Fanti, il risultato raggiunto è più che positivo: “quest’anno abbiamo raggiunto un’Ebitda di 8 milioni di euro e un cash flow di oltre 9 milioni di euro. Come da strategia Deco, abbiamo impegnato importanti risorse finanziarie per investimenti necessari alla crescita”.

Il secondo intervento è stato quello di Francesco Canè, il manager bolognese che proprio sabato è stato nominato dal Consiglio d'amministrazione come amministratore delegato di Deco Industrie. Dopo aver presentato la relazione sulla gestione del bilancio 2018, Canè ha illustrato le linee guida del prossimo triennio: "L'anno 2019 rappresenta un momento importante di consolidamento della rapida crescita che Deco Industrie ha vissuto in questo ultimo periodo. Il nuovo piano industriale, in fase di elaborazione, porterà un’ulteriore crescita sostenibile sia sul mercato interno che quello internazionale. E’ una sfida molto importante che affronteremo forti della nostra professionalità e della capacità di investimento in tecnologia e sviluppo per soddisfare un mercato in continua evoluzione”.

“La doppia anima del gruppo romagnolo - ha proseguito -iversificata nei due settori: alimentare e detergenza, permette una visione d’insieme del nuovo scenario competitivo, con la possibilità di condividere molteplici esperienze e conoscenze da entrambi i settori”. Questo, grazie anche alla formazione e crescita professionale che Canè ha acquisito nella sua carriera lavorativa in ruoli di primaria importanza ricoperti in aziende leader di mercato (e.g. Reckitt Benchkiser,  F.lli Polli S.p.A., etc).

“Lo scenario macroeconomico - ha proseguito il manager - si presenta ancora particolarmente incerto a causa di un quadro politico alimentato da tensioni e focolai di instabilità con conseguente rallentamento dell’economia. La crescita dei prossimi anni sarà  incentrata facendo particolarmente leva sulla diversificazione e la distintività, interpretando le esigenze di consumatori sempre più attenti”.

Il presidente Antonio Campri dopo aver ringraziato l’amministratore uscente, Giorgio Dal Prato, per il suo ventennale impegno a garanzia della crescita continua di Deco, ha sottolineato con piacere il clima di collaborazione che si è instaurato con Canè, “che ha saputo recepire e fare propri i valori della cooperativa, fornendole una strategia chiara e definita per affrontare un’arena internazionale molto competitiva”.

Il presidente ha ulteriormente ribadito quale sia la vera essenza della cooperativa: “i suoi soci che sono cresciuti diventando complessivamente 214 su un totale di lavoratori che sfiora i 540. Nel corso del 2018, grazie all’ impegno del comitato sociale – ha detto il presidente - abbiamo messo in campo delle iniziative di welfare aziendale che hanno coinvolto oltre 1.700 soci e lavoratori in 50 eventi tra ritrovi conviviali incontri e iniziative scelte dagli stessi soci”.

L’assemblea è stata conclusa dagli interventi del presidente regionale della lega delle cooperative, Giovanni Monti e dal presidente nazionale lega coop produzione e servizi Carlo Zini, che hanno ricordato l’importanza di mantenere vivi i valori della cooperazione italiana, indicando Deco Industrie quale testimone importante di questa realtà.

Potrebbe interessarti

  • I Consultori a Ravenna: elenco, indirizzi e servizi

  • Aperitivo a Ravenna: 5 locali ideali per un cocktail all'aperto

  • I borghi medievali romagnoli da non perdere

  • Comprare una casa all'asta: come si fa?

I più letti della settimana

  • I pompieri arrivano per spegnere un incendio: e trovano il cadavere di un uomo

  • La scia di sangue non si ferma. Schianto sull'Adriatica, muore dopo 6 giorni di agonia

  • Si schiantano contro le auto parcheggiate e si cappottano: tre giovani in ospedale

  • Chiusi i 'campi-parcheggio' a Lido di Classe: ed è subito strage di multe

  • Colto da malore in auto col figlioletto: cittadini e Polizia locale evitano il disastro

  • Rischia di annegare mentre fa il bagno: salvato dai bagnini, è in gravi condizioni

Torna su
RavennaToday è in caricamento