menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Detrazioni sulla Tasi in arrivo, tavolo aperto in Comune: Cisl soddisfatta

Novità positive potrebbero esserci anche sulla Tari, la futura imposta sui rifiuti che, così come illustrata nell'incontro del 5 marzo, prevede aumenti medi in bolletta, almeno del 5-6% a famiglia, stima la Cisl.

Soddisfazione da parte della Cisl Romagna, area di Ravenna, per le ipotesi di intervento su Tasi e Tari  annunciate dal Comune nell'incontro con i sindacati sul bilancio 2014. La possibilità di introdurre detrazioni ex ante (e non solamente con l’utilizzo del fondo casa di 600mila euro), anche prevedendo la parziale introduzione  dell’addizionale dell’0,8%, era stata richiesta a gran voce dal sindacato di via Vulcano sin dall’incontro sul bilancio del 5 marzo scorso.

In quella sede, infatti, la Cisl  non aveva condiviso l'impostazione iniziale data dall'amministrazione: Tasi al 2,5 per mille e con detrazioni solo ex post, da finanziare con il fondo Imu prima casa, palesemente insufficiente a rendere il sistema più equo e ad abbattere l’aumento della tassazione per le famiglie con figli che invece con l’impostazione attuale potrebbero addirittura  pagare di più di quando c’era l’Imu.

«Non abbiamo definito come verranno introdotte le detrazioni perché da questo punto di vista occorre fare alcune verifiche e attendiamo un chiarimento del quadro di riferimento generale. Ma con il Comune ne abbiamo condiviso la necessità per la tassazione sulla prima casa da finanziare attraverso l'introduzione di un'addizionale fino all'8 per mille (non solo con il fondo Imu da 600mila euro), rimandando la definizione delle modalità applicative ad un momento di confronto anche successivo la data di approvazione del bilancio – spiega il segretario Cisl Romagna, responsabile dell’area di Ravenna Antonio Cinosi -. La novità è che il Comune, pur confermando l’impianto della Tasi, ci ha assicurato di voler aprire un tavolo di confronto con i sindacati sulle detrazioni che quindi verranno  assicurate. Allo studio  l’introduzione di un criterio di progressività magari in base al valore reddituale della famiglia e non solo alla rendita catastale. Il  tempo per discuterne c'è. Anche  se la scadenza per la prima rata della Tasi scade il 16 giugno, il conguaglio si può effettuare con il saldo di dicembre perché i Comuni hanno a disposizione ancora mesi per deliberare definitivamente in materia». Ma per la Cisl si tratta di un piccolo successo: « Che le risorse per le detrazioni fossero insufficienti per creare equità è un problema che avevam sollevato noi nel primo incontro sul bilancio: quanto emerso dall'ultimo in contro è un bel segnale».

Novità positive  potrebbero esserci anche sulla Tari, la futura imposta sui rifiuti che, così come illustrata nell'incontro del 5 marzo, prevede aumenti medi in bolletta, almeno del 5-6% a famiglia, stima la Cisl. «Alcuni emendamenti inseriti nel decreto salva Roma, già approvati in commissione al Senato, potrebbero introdurre la possibilità di ridurre significativamente la differenza con la vecchia  Tia, che addirittura potrebbe rimanere in vigore per il 2014, se si concretizzassero alcune affermazioni e volontà parlamentari». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento