Economia

Diritto dei porti e del commercio? Lo si studia a Ravenna

Si è svolto giovedì alla Facoltà di Giurisprudenza di Ravenna il seminario su "Le Autorità portuali: una prospettiva europea?", promosso dal dottorato di ricerca sull'ordinamento europeo internazional

Si è svolto giovedì alla Facoltà di Giurisprudenza di Ravenna il seminario su “Le Autorità portuali: una prospettiva europea?”, promosso dal dottorato di ricerca sull’ordinamento europeo internazionale. Il convegno ha visto la partecipazione del presidente uscente dell’Autorità portuale di Ravenna, Giuseppe Parrello, e di Stefano Zunarelli, professore ordinario di diritto della navigazione, e la presenza di numerosi avvocati ravennati, accreditati per la formazione professionale continua.

In apertura sono intervenuti il vicesindaco Giannantonio Mingozzi e il presidente della Fondazione Flaminia Lanfranco Gualtieri. Entrambi hanno sottolineato”l’importanza fondamentale che lo sviluppo del porto di Ravenna ha assunto nella crescita dei corsi di Laurea di Giurisprudenza sia nel triennio in diritto d’impresa, sia nella Magistrale.

“E’ l’occasione più opportuna – ha detto Mingozzi – per ringraziare due protagonisti di questa fruttuosa collaborazione, e cioè Parrello e Zunarelli, con i quali in questi ultimi 15 anni abbiamo realizzato una Facoltà che ha il record di immatricolazioni e che, dal punto di vista qualitativo, è considerata tra le più innovative nelle materie attinenti la nautica, i rischi della navigazione e tutte le procedure doganali dei rapporti con i mercati esteri”.

Anche Lanfranco Gualtieri ha rimarcato come “la facoltà di Giurisprudenza rappresenti, per i corsi ravennati, un elemento di eccellenza capace di porre le premesse anche per lo sviluppo di nuovo corsi di carattere internazionale legati al ruolo fondamentale che l’Autorità Portuale di Ravenna ha acquisito per tutto il bacino del Mediterraneo e dell’est europeo”.   
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diritto dei porti e del commercio? Lo si studia a Ravenna

RavennaToday è in caricamento