Edilizia, dopo il lockdown si cominciano ad avvertire segnali di ripresa dell’attività

Potenziato il servizio al pubblico fin dai prossimi giorni, incrementando sia gli spazi, sia il numero di dipendenti dedicati, in modo da ridurre i disagi generati dalle limitazioni e dall'attuale boom di istanze

Dopo il blocco dovuto all’emergenza sanitaria Covid-19, si cominciano ad avvertire segnali di ripresa dell’attività edilizia: a tastarne il polso è lo Sportello unico edilizia (Sue) dove sono aumentate notevolmente le richieste di accesso agli atti. Tanto da indurre l'assessora all'Urbanistica Federica Del Conte e i dirigenti dell'Area pianificazione territoriale e dello stesso Sportello a potenziare il servizio al pubblico fin dai prossimi giorni, incrementando sia gli spazi, sia il numero di dipendenti dedicati, in modo da ridurre i disagi generati dalle limitazioni e dall'attuale boom di istanze.

“Si tratta di segnali di ripresa che ci rincuorano e danno speranza - afferma l’assessora Del Conte – che vogliamo accompagnare e favorire, implementando le attività degli uffici a servizio dei cittadini e delle imprese”. I bonus “facciate” e “ristrutturazioni” sono tra le misure di stimolo che stanno provocando l’aumento delle richieste di accesso agli atti propedeutiche alla presentazione delle pratiche edilizie da parte dei tecnici liberi professionisti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La visione dei vecchi elaborati conservati negli archivi comunali comporta la presenza fisica dei tecnici presso gli uffici e, nonostante la forte limitazione ai contatti imposta dalle leggi, lo Sportello unico dell'edilizia ha sempre continuato a ricevere i tecnici durante l'intero periodo di "lockdown"; tuttavia l'obbligo di procedere solo per appuntamento e la necessità di garantire le dovute distanze a tutela della salute hanno generato una inevitabile riduzione del numero di tecnici ammessi alla consultazione con conseguente allungamento dei tempi di risposta. L'ufficio accesso agli atti del Sue riceve il pubblico dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 13, previo appuntamento telefonico; l’Ufficio Archivio, per informazioni e ricerche, è disponibile telefonicamente dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all'incrocio all'alba: automobilista in gravi condizioni

  • Coronavirus, muore una donna residente nel ravennate

  • Fermati dopo la spaccata al bar investono un Carabiniere: ricercati per tentato omicidio

  • Cade con la bici tra le rocce della palizzata: è in gravi condizioni

  • Dà fuoco al campo della cooperativa e distrugge 20 ettari: ex dipendente arrestato

  • Scuole al via il 14 settembre: no ai turni, alunni a un metro di distanza e lezioni in parchi e musei

Torna su
RavennaToday è in caricamento