Esportazioni all'estero, calo dell'1,2%. Germania primo partner

All'opposto, risultano in crescita le esportazioni di Emilia-Romagna e Italia, rispettivamente del 4,4% e 3,8%, a conferma della buona tenuta del Made in Italy

I dati Istat usciti nelle scorse settimane mostrano un andamento negativo delle esportazioni della provincia di Ravenna. Si sono infatti attestate a quota 3.643 milioni di euro, mostrando un calo di 45,7 milioni di euro rispetto al 2014 (-1,2%). All'opposto, risultano in crescita le esportazioni di Emilia-Romagna e Italia, rispettivamente del 4,4% e 3,8%, a conferma della buona tenuta del Made in Italy in una fase in cui il commercio mondiale viene stimato in rallentamento. Con lo 0,89% del totale nazionale, Ravenna occupa il 39° posto in Italia e il 6° in Emilia-Romagna nella graduatoria delle province esportatrici.

A determinare il calo complessivo di 45,7 milioni di euro registrato nel 2015 rispetto all'anno precedente, hanno contribuito prevalentemente il settore dei prodotti chimici (-9,0%), quello dei prodotti metallurgici (-8,9%) e in misura minore quello delle apparecchiature elettriche (-1,1%) e degli articoli in gomma e plastica (-2,9%).

All'opposto crescono le vendite all'estero di macchinari e apparecchiature meccaniche (+4,8%), di prodotti alimentari (+2,5%), di prodotti in metallo (+14,2%), di prodotti agricoli (+8,2%), di prodotti minerali non metalliferi (+11,7%).

L'incremento più importante, sia in termini assoluti che relativi, è quello delle vendite di computer e prodotti dell'elettronica che, pur rappresentando solo il 2,7% del complesso degli scambi, aumentano di 43,1 milioni, pari al +78,4%, avendo come principali destinazioni gli Emirati Arabi Uniti, i Paesi Bassi e la Germania.

Nella classifica dei principali settori di esportazione delle imprese di Ravenna, nel periodo considerato, il primo posto è occupato dai macchinari e apparecchiature generiche che rappresenta il 20,5% delle esportazioni provinciali. Al secondo il settore dei prodotti chimici oggetto del 19,1% degli scambi commerciali. I macchinari prodotti nel nostro territorio sono destinati principalmente al mercato statunitense, tedesco e francese. I prodotti chimici principalmente in Germania, Spagna e Francia. Mentre; i prodotti metallurgici in Polonia, Germania e Romania.

La Germania rimane il primo partner commerciale per i prodotti chimici e i prodotti della metallurgia. La Francia per i prodotti chimici e i macchinari, gli Stati Uniti per i macchinari e i prodotti tessili.

Le principali destinazioni

Nel corso del 2015, crescono le esportazioni dirette verso l'America settentrionale (+33,2%), verso i paesi africani (+76,1% verso l'Africa centromeridionale, +38,9% verso l'Africa settentrionale), verso il Medio Oriente (+24,1%), verso l'Asia centrale (+3,6%) e verso l'Oceania (+25,3%). A trainare il mercato africano, è ancora l'importante commessa nel settore off-shore acquisita da imprese ravennati in Costa d'Avorio nei primi mesi dell'anno.

La flessione registrata negli scambi del periodo è determinata dalle merci dirette verso i paesi dell'Unione Europea (-6,9%), che rappresentano oltre il 60% delle esportazioni totali, verso i paesi europei non UE (-14,3%), verso l'Asia orientale (-7,0%) e verso l'America centro-meridionale (-12,6%).

La Germania rimane il mercato più importante per le imprese ravennati, assorbendo il 14,2% delle vendite all'estero, seguita dalla Francia a cui è destinato l'8,6% dell'export provinciale. Nel periodo in esame, tuttavia, gli scambi con Germania e Francia registrano una flessione dell'11,7% e del 7,4%, rispettivamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i principali partner commerciali, gli Stati Uniti conquistano il terzo posto con una crescita sostenuta del 34,4%. In crescita anche le esportazioni verso la Polonia, la Romania e i Paesi Bassi che chiudono la top ten. L'impennata di inizio anno dei traffici con la Costa d'Avorio, collocano questo paese in settima posizione. Calano invece le esportazioni dirette in Spagna (-7,3%) e in misura maggiore quelle verso il Regno Unito (-24,1%) e l'Austria (-22,1%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Carambola sull'Adriatica, dopo il tamponamento lo scontro frontale: grave uno scooterista

  • Il forte vento mette in ginocchio gli alberi, due auto travolte dai tronchi precipitati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento