rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Economia Faenza

Faenza, Hera fa shopping nel fotovoltaico: e punta sulla 'green economy'

Dopo l'ok dell'Antitrust, sarà rilevata nelle prossime settimane la società di produzione di energia elettrica da fotovoltaico CTG RA di Faenza. L'acquisizione si affianca ad un'altra compiuta nelle Marche

Il Gruppo Hera continua la crescita nel fotovoltaico, con l’acquisto di altre due società attive nella produzione di energia solare: Juwi Sviluppo Italia 02 Srl, di Petriolo, in provincia di Macerata e CTG RA Srl di Faenza (RA). Juwi Sviluppo Italia 02 Srl è stata acquisita da Juwi Energie Rinnovabili Srl, mentre per CTG RA la società venditrice è Colexon Italia Srl. L’acquisto di CTG RA si concretizzerà nelle prossime settimane, dal momento che la transazione è ancora sottoposta al nulla osta dell’Autorità Antitrust. Entrambe le società possiedono impianti fotovoltaici a terra con potenza installata di 1 MW ciascuno. Tale potenza consentirà la produzione di circa 2.570 MWh/anno di energia elettrica, pari ad un risparmio di emissioni in atmosfera pari a 1.241 tonnellate di CO2.

Le due operazioni, realizzate da Hera Energie Rinnovabili, (100% Gruppo Hera) si aggiungono agli acquisti di altre due società attive nel fotovoltaico compiuti dal Gruppo Hera a inizio febbraio: Amon di Copparo (FE) ed Esole di Alfianello (BS). Tale crescita nel fotovoltaico, rientra nella più ampia strategia del Gruppo Hera di allargamento del portafoglio di generazione rinnovabile e a basso impatto, che dovrà raggiungere, entro il 2012, i 300 MW di potenza installata.

Le acquisizioni nel fotovoltaico giungono in scia a diverse iniziative realizzate o messe in cantiere nei mesi scorsi, tutte finalizzate ad accrescere la quota di energia pulita prodotta. Fra gli interventi più importanti si segnala la partecipazione a Ghirlandina Solare proprietaria di un campo fotovoltaico nel modenese (1MW di potenza), la realizzazione degli impianti fotovoltaici sui tetti dei Magazzini Generali del’Interporto di Bologna (3,2 MW) e il progetto “Biodigestori anaerobici” per la produzione di energia elettrica da rifiuti organici.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faenza, Hera fa shopping nel fotovoltaico: e punta sulla 'green economy'

RavennaToday è in caricamento