rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Economia Cervia

Oltre 250 persone a Cervia per la Festa Pensionati di Coldiretti

I pensionati sono una risorsa per la nostra agricoltura e per la società tutta, perché pilastri della famiglia e stimolo per le nuove generazioni", ha detto in apertura il presidente Pensionati Ravenna Francesco Gallina

Oltre 250 persone hanno preso parte alla tradizionale festa provinciale dei Pensionati Coldiretti che si è svolta giovedì mattina all’Istituto Alberghiero per il Turismo di Cervia. “I pensionati sono una risorsa per la nostra agricoltura e per la società tutta, perché pilastri della famiglia e stimolo per le nuove generazioni", ha detto in apertura il presidente Pensionati Ravenna Francesco Gallina, poi premiato da Coldiretti a fine mattinata per l'impegno profuso alla guida dell'associazione provinciale.

A ribadire la centralità dei pensionati e di Coldiretti all'interno della società e in particolate dell'economia locale e nazionale, il presidente Federpensionati Emilia-Romagna Aimone Gnudi – che ha illustrato le opportunità offerte alla platea di pensionati coltivatori diretti dalla Carta Vantaggi 2016 promossa dall'associazione (in distribuzione negli Uffici zona ed Epaca di Coldiretti) – e Marco Foschini, dell’Ufficio Studi dell’Area Economica di Coldiretti, autore della relazione “Dal Dopoguerra ad Expo: il protagonismo di Coldiretti nell’evoluzione dell’agricoltura, da motore per l’autosufficienza alimentare a motore del made in Italy nel mondo”.

Della filosofia che anima Coldiretti e che è emersa in tutta la sua forza proprio durante Expo 2015, ha parlato il presidente provinciale Coldiretti Massimiliano Pederzoli, ribadendo la necessità di “riportare l'azienda agricola al centro della filiera puntando su qualità, distintività e rintracciabilità, i punti di forza della nostra agricoltura, da sempre valorizzati e difesi da Coldiretti”. Prima del pranzo sociale preparato con estrema cura e professionalità dagli allievi dell'Alberghiero diretto da Carla Maria Gatti, le conclusioni affidate al neo-presidente dell’Associazione Nazionale Pensionati Coldiretti Giorgio Grenzi che ha ricordato come “non ci possa essere futuro, per l'agricoltura e il Paese, se non si comprende e valorizza il passato. Da qui l'importanza vitale dei pensionati, custodi e testimoni di quella tradizione che funge da stimolo all'innovazione”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 250 persone a Cervia per la Festa Pensionati di Coldiretti

RavennaToday è in caricamento