Fiom contro il contratto aziendale di Marcegaglia: "Sbagliato legare il premio di risultato a malattie e infortuni"

A circa un anno dalla scadenza del contratto, l’azienda ha raggiunto un’ipotesi di accordo con Fim e Uilm per il rinnovo del contratto aziendale

Foto Massimo Argnani

Il 31 dicembre del 2018 è scaduto il contratto aziendale per i lavoratori dello stabilimento di Ravenna di Marcegaglia. Il contratto interessa circa 800 lavoratori distribuiti in due distinte società: la Marcegaglia Ravenna, che rappresenta la realtà produttiva, e Marcegaglia Carbon Steel, che si occupa delle operazioni di carico e scarico delle materie in banchina. Le due società sono state costituite a fine del 2018 per volontà dell’azienda.

A circa un anno dalla scadenza del contratto, l’azienda ha raggiunto un’ipotesi di accordo con Fim e Uilm per il rinnovo del contratto aziendale. Su questa ipotesi di accordo, che è stata formalizzata lo scorso 9 dicembre, i lavoratori saranno chiamati ad esprimersi in un referendum. Si voterà il 12, 13, 14, 16 e 17 dicembre.

La Fiom si schiera contro questo accordo che ritiene peggiorativo rispetto al contratto di lavoro aziendale precedente. “Siamo contrari a questa piattaforma – commentano i segretari della Fiom Cgil dell’Emilia Romagna e di Ravenna, rispettivamente Samuele Lodi e Ivan Missiroli – innanzitutto perché riteniamo sbagliato che il peso maggiore del premio di risultato si sposti da un principio collettivo a uno individuale. Ciò creerà delle forti disparità di trattamento considerando che i lavoratori che faranno più di dieci giorni di malattia nel corso dell’anno non percepiranno i 625 euro che prima erano determinati esclusivamente in base alla produttività”.

Già in questi giorni la Fiom Cgil sta facendo dei volantinaggi per rivendicare le proprie ragioni e per chiedere ai lavoratori di bocciare l’ipotesi di accordo. Se infatti il documento verrà respinto, le parti potranno riaprire le trattative per giungere a un nuovo accordo. “Nessuno vuole attaccare le sigle sindacali che hanno firmato questa ipotesi di accordo – specifica Lodi - hanno fatto una scelta legittima che sosterranno e su cui si confronteranno nel momento in cui i lavoratori si esprimeranno nel referendum. La critica della Fiom è indirizzata in maniera molto forte e decisa all’azienda, perché legare il premio di risultato all’elemento della malattia, e in maniera così preponderante, è una decisione oltremodo grave. Altro aspetto, ancora più preoccupante, è il premio legato all’infortunio. Lo ritengo assolutamente sbagliato, soprattutto in Italia dove la sicurezza dei lavoratori è una vera emergenza. Sulla sicurezza vengono spese tante parole e iniziative, poi però devono seguire azioni coerenti e questo accordo non va nella direzione giusta”.

Foto Massimo Argnani

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

Torna su
RavennaToday è in caricamento