Firmato un accordo per la sospensione della quota capitale dei mutui

In questo modo i Comuni e le Province potranno disporre di liquidità aggiuntiva per sostenere le maggiori spese conseguenti agli effetti indotti dalla diffusione del Coronavirus

Abi, Anci e Upi hanno sottoscritto un accordo per la sospensione per un anno della quota capitale dei mutui dei Comuni e delle Province. I Comuni e le Province potranno chiedere alle banche che aderiranno all’accordo la sospensione per un anno della quota capitale delle rate dei finanziamenti che scadono nel corso del 2020. In questo modo i Comuni e le Province potranno disporre di liquidità aggiuntiva per sostenere le maggiori spese conseguenti agli effetti indotti dalla diffusione del Coronavirus.

L’Associazione Bancaria Italiana, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani e l’Unione Province d’Italia hanno, infatti, sottoscritto nella giornata odierna l’Accordo che prevede, tra l’altro: la possibile sospensione del pagamento della quota capitale delle rate dei mutui in essere in scadenza nel 2020, per un periodo di sospensione di 12 mesi; che non siano modificate le condizioni economiche previste contrattualmente (il tasso di interesse al quale viene realizzata l’operazione di sospensione è quello originariamente previsto nel contratto e le banche aderenti non applicheranno alcuna commissione all’operazione di sospensione); che gli interessi maturati nel periodo di sospensione siano corrisposti alla banca alle scadenze contrattualmente previste; che al termine del periodo di sospensione, la banca estenda la durata del piano di ammortamento originario di 12 (dodici) mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’accordo si applica ai Comuni, alle Province e agli altri enti locali che intendono aderire: città metropolitane, comunità montane, unioni di comuni e consorzi fra enti locali. Nell’accordo è previsto che le banche possano applicare misure di maggior favore per gli enti locali rispetto a quelle previste nell’accordo stesso per la sospensione per un anno della quota capitale dei mutui dei Comuni e delle Province.

“Come Anci e Upi – dichiara Michele de Pascale sindaco di Ravenna e presidente nazionale di Upi – abbiamo sottoscritto un accordo per il rinvio delle quote capitali dei mutui, come quello siglato con Cassa depositi e prestiti, anche con l’Associazione Bancaria italiana.
Auspicando in un’ampia adesione degli istituti di credito, questi due provvedimenti potranno significare un sollievo molto importante nel bilancio di Comuni e Province che evidentemente saranno colpiti fortemente da riduzioni di imposte e tariffe. Questi accordi consentiranno alle Province e ai Comuni di poter mettere in campo azioni forti di sostegno alle imprese, a cittadini e famiglie, senza dover bloccare gli investimenti pubblici e permetterci di concorrere al rilancio dell’economia. In particolare voglio ringraziare il Presidente Antonio Patuelli per la sensibilità e la celerità con la quale ha risposto al nostro appello”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Perde il controllo della moto e cade nel fosso: interviene l'elicottero

Torna su
RavennaToday è in caricamento