Arriva il “Gola Gola Festival”, dove la cultura del cibo diventa un festival

La cultura del cibo diventa un vero e proprio festival a Parma dal 10 al 12 giugno 2016, con il "Gola Gola Festival"

Perché nella città emiliana? Perché è conosciuta, a livello mondiale, come culla dell’enogastronomia. I “turisti del cibo” troveranno una città-palcoscenico in cui il cibo viene presentato come in un vero e proprio street festival, tra degustazioni, showcooking, talk show e il Mercato delle Specialità con piccole aziende agricole di tutta Italia.

Non mancheranno, inoltre, i tour in bus (su prenotazione) per scoprire il territorio parmigiano. Ad esempio si potranno esplorare i luoghi in cui nascono il Prosciutto di Parma, i vini dei colli e il Parmigiano Reggiano, passando per il Museo del Salame e il Museo del Vino. Allo stesso modo sarà possibile visitare la scuola internazionale di cucina “Alma”, il Museo della Pasta e il Museo del Pomodoro.

Cibo, dunque, ma non solo. Parma è anche città della musica: il Teatro Regio sarà visitabile, così come la Liuteria e il Castello della Musica di Noceto. Al Regio sono previsti anche appuntamenti speciali per accompagnare la musica al cibo. Non mancheranno showcooking e anche laboratori pensati per i visitatori più piccoli.

Per agevolare il pubblico è prevista una “Gola Gola Card” che potrà essere ritirata nei punti vendita ufficiali del festival, tra cui i negozi Wind di Parma aderenti all'iniziativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

Torna su
RavennaToday è in caricamento