"Grave situazione di stallo per il porto": i sindacati lanciano l'allarme

A lanciare l'allarme sono la Filt Cgil, la Fit Cisl e Uiltrasporti di Ravenna: "É pertanto urgentissimo riprendere in mano il filo dei temi"

"A meno di un mese dai provvedimenti di sospensione emessi, e peraltro reiterati, nei confronti dei vertici apicali dell’Autorità di sistema portuale di Ravenna, e a fronte della rinomina da parte del Mit del commissario Paolo Ferrecchi, la situazione complessiva del porto presenta forti criticità che, già oggi, evidenziano disimpegni importanti legati al traffico navi e a complessivi processi per il rilascio di varie autorizzazioni". A lanciare l'allarme sono la Filt Cgil, la Fit Cisl e Uiltrasporti di Ravenna. "É pertanto urgentissimo riprendere in mano il filo dei temi, essendo l'Autorità di sistema portuale l'organo massimo di garanzia previsto dalla legge. Senza il suo ruolo effettivo per la gestione e la firma, ogni azione anche contingente è inibita, ma come è noto il mondo non si ferma perché a Ravenna non ci sono effettive funzioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"É altresì evidente che la magistratura, alla quale esprimiamo piena fiducia, debba proseguire nelle indagini - proseguono dai sindacati - Tuttavia, riteniamo indispensabile che il porto torni ad avere piena   funzionalità, in quanto i problemi economici e sociali che si stanno oggettivamente palesando rischiano di mettere in discussione il lavoro attuale e futuro. Fit Cisl, Filt Cgil e Uiltrasporti chiedono pertanto al Commissario un confronto stringente, che permetta di chiarire i ruoli vacanti, ipotesi di firma e lo sblocco delle partite correnti prioritarie. Naturalmente anche sul bando di gara dell'hub portuale e sugli aspetti organizzativi correnti (progressioni, carriera e altro) ci attendiamo un sollecito e proficuo confronto. Al tempo stesso auspichiamo, che quanto avvenuto recentemente non si ripeta e che le parti sociali e la politica ravennate dimostrino di lavorare per un unico obiettivo: lo sviluppo del porto ravennate come volano per l'intera economia sia del territorio che della regione Emilia Romagna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da un malore fatale mentre guida: camionista perde la vita

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Amici o fidanzati non conviventi in auto: quali sono le regole da seguire?

  • Il caso era stato segnalato a "Chi l'ha visto?", trovata l'anziana allontanatasi da Milano

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

  • Fase due, Bonaccini: "Prudenza o tra qualche settimana dovremo richiudere"

Torna su
RavennaToday è in caricamento