menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il futuro della nautica: un convegno tra innovazione e sostenibilità

Quale futuro per la nautica da diporto? E’ questo l’interrogativo centrale cui ha provato a dare risposta il convegno promosso mercoledì dalle CNA di Ravenna e Forlì-Cesena

Quale futuro per la nautica da diporto? E’ questo l’interrogativo centrale cui ha provato a dare risposta il convegno promosso mercoledì dalle CNA di Ravenna e Forlì-Cesena "Il futuro della nautica. Mercato, innovazione, sostenibilità".

I dati nazionali confermano il 2017 come l’anno di una ripresa autentica del settore, marcando una crescita in termini di fatturato e di export per il secondo anno consecutivo. Tra gennaio 2014 e gennaio 2018, la produzione di imbarcazioni da diporto nel nostro Paese è aumentata del 33,1%. Tuttavia, a fronte di questi dati positivi, non bisogna dimenticare che negli anni della crisi la cosiddetta “piccola nautica” è stata colpita da un autentico tsunami economico: tra il 2009 e il 2014 sono state spazzate via il 13,9% delle imprese con il 23,9% di addetti. La piccola dimensione delle imprese rappresenta il tratto caratteristico del settore nautico italiano: dai dati Istat risulta che le imprese con meno di 50 addetti sono il 97,9% della totalità, contribuiscono al 46,8% dell'occupazione, al 21,8% del fatturato e al 35,1% del valore aggiunto. A questo va aggiunto che, oltre a scontare i danni provocati da miopia politica e invidia sociale, la nautica da diporto paga, purtroppo, anche la sottovalutazione di una contabilità statistica a maglie ridotte. Quando si pesa il valore economico del comparto si tiene conto solo dell’attività strettamente cantieristica, vale a dire della costruzione e della riparazione di imbarcazioni, senza valutare tutte le altre strutture produttive e di servizio funzionali alla nautica da diporto.

In sintesi: la produzione cantieristica è ripartita negli ultimi due anni ed è destinata a recuperare ampiamenti i livelli pre-crisi nel medio periodo; le imprese che sono sopravvissute sono oggi quelle di maggior dimensioni e più competitive; il comparto della componentistica e degli accessori, pur essendo direttamente collegato a quello della cantieristica, è riuscito ad agganciare la ripresa grazie alla diversificazione delle attività e dei mercati di riferimento; il comparto dei servizi ha pagato il calo della domanda legato al rallentamento del settore e la fuga dai porti italiani. La fotografia della filiera della nautica da diporto alla luce delle modificazioni di mercato intervenute negli ultimi anni sia a livello globale sia su scala nazionale impone ora di concentrare l’attenzione sul tema della generazione e della distribuzione del valore aggiunto e a quello delle relazioni tra le imprese della filiera sia all’interno del “cantiere” sia nell’approccio al mercato e ai committenti esterni. La riduzione degli spazi di mercato ha contribuito a una frattura nelle relazioni funzionali e interpersonali preesistenti tra gli imprenditori che, di fronte ad una flessione quantitativa e qualitativa della domanda, si sono trovati a essere “concorrenti diretti” anziché soggetti utilmente e reciprocamente solidali, come più frequentemente avveniva nelle fasi di forte accelerazione della domanda.

Altro tema trattato è stato quello relativo alle traiettorie della ricerca per il settore e alle politiche di supporto all’innovazione, alla ricerca e sviluppo, al fine di mettere le PMI nelle condizioni di essere maggiormente competitive sui mercati esteri. Le dichiarazioni di intenti da parte dei rappresentanti della grande e della piccola nautica, delle Istituzioni e dell’Università fanno ben sperare in un’ulteriore spinta propulsiva per il settore, il tutto in una logica condivisa di filiera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento