Economia

Impiantistica offshore da 350 tonnellate imbarcata al terminal del Porto

Nell'indotto del comparto offshore, fiore all’occhiello dell’economia ravennate, rientrano anche le operazioni portuali

Nell'indotto del comparto offshore, fiore all’occhiello dell’economia ravennate, rientrano anche le operazioni portuali. La più recente ha avuto per scenario, venerdì, il terminal Sapir dove è stata imbarcata, sulla nave Anne Sofie, impiantistica prodotta dalla Fratelli Righini e destinata a Singapore per il progetto "LIiza Destiny Fpso", tra i quali anche un macchinario da 350 tonnellate. Le operazioni sono state organizzate, per conto di P-LINE Genova e dell’armatore SAL GMBH, dall’agenzia ravennate Marcandia la quale si è avvalsa, per il trasporto stradale, della CTS di Ravenna e, per l’imbarco, del supporto del personale tecnico e operativo di Sapir e Cooperativa portuale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impiantistica offshore da 350 tonnellate imbarcata al terminal del Porto

RavennaToday è in caricamento