menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Importazioni, al Porto sbarcano i primi carichi di banane dall’Ecuador

Sono stati sbarcati al Tcr i primi carichi di banane dall’Ecuador trasportati dal nuovo servizio feeder che collega la West Coast di centro e sud America col porto romagnolo

Sono stati sbarcati al Terminal container di Ravenna i primi carichi di banane dall’Ecuador trasportati dal nuovo servizio feeder Hapag-Lloyd, che collega la West Coast di centro e sud America col porto romagnolo via Malta. “Il Porto di Ravenna è stato per anni uno dei primi porti bananieri d’Italia - dice Riccardo Martini, A.D. di DCS Tramaco, la società di logistica che ha curato la spedizione dal Porto di Guayaquil per conto dell’importatore SIFE Dal Bello - e quindi siamo felici di rinverdire questa tradizione. Transit time di 22 giorni dalla Colombia, di 24 dall’Ecuador e 30 dal Cileci permettono di proporre agli importatori vicini al porto di Ravenna servizi competitivi e in linea con quelli che tradizionalmente scalano i porti tirrenici. Inoltre, utilizzando i nostri magazzini refrigerati, offriamo anche la distribuzione giornaliera a pedane in tutto il centro-nord Italiano”.

Soddisfatto anche il rappresentante dell’importatore, Daniele D’Antrassi: "Le banane sono di ottima qualità e sono arrivate in perfetto stato. Altri container sono già in viaggio e siamo quindi contenti della scelta fatta”. “ Ci fa piacere – concludono Gian Antonio Mingozzi e Milena Fico, rispettivamente Presidente e General Manager di Tcr - il ritorno di un traffico che può creare buone prospettive per il nostro porto e siamo pronti a sviluppare ulteriormente questo settore, perchè anche il nostro porto può essere competitivo per relazioni al di fuori del Mediterraneo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento