menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Industria alimentare in sciopero, Tampieri: "Collaborazione per disegnare insieme la ripresa"

Durante il lockdown abbiamo assistito ad una drastica riduzione dei consumi, considerando che l’Horeca (hotel, ristoranti e catering) rappresenta il 30% degli utilizzi alimentari complessivi", evidenzia

"L’accordo del 31 luglio 2020 tra Ancit, Assobirra, Unionfood – associazioni di settore - e Fai, Flai, Uila - sigle sindacali -, non può essere considerato il rinnovo del contratto collettivo di tutto il settore, ma un accordo che interessa le sole aziende aderenti alle 3 associazioni firmatarie. Pertanto, il rinnovo del contratto collettivo nazionale dell’industria alimentare, che era giunto vicino alla conclusione, deve essere ancora ultimato". "Questa è la verità" dell'azienda Tampieri, dove si è svolto un picchetto dei sindacalisti.

Prosegue l'azienda faentina: "Federalimentare e le 10 associazioni industriali - Anicav, Assalzoo, Assica, Assobibe, Assocarni, Assolatte, Federvini, Italmopa, Mineracqua e Assitol, della quale l’azienda Tampieri fa parte, hanno chiesto a Fai, Flai e Uila di riprendere il negoziato e proseguire la trattativa, nell’obiettivo di giungere ad un accordo di rinnovo, che sappia valorizzare i lavoratori e al tempo stesso la produttività e competitività aziendale. Il sindacato, come peraltro ribadito dalle affermazioni pubblicate sulla stampa, non si rende disponibile ad un confronto e si è assunto di fatto, la responsabilità di lasciare scoperto contrattualmente oltre il 70% dei lavoratori alimentaristi. Invece, grazie agli accordi-ponte firmati a maggio da tutte le 13 associazioni, i lavoratori sono coperti economicamente per tutto il 2020 ed oltre, visto che il prossimo aumento dell’accordo di settore siglato dalle sole tre associazioni del 31 luglio, decorrerà da settembre 2021".

"Durante il lockdown abbiamo assistito ad una drastica riduzione dei consumi, considerando che l’Horeca (hotel, ristoranti e catering) rappresenta il 30% degli utilizzi alimentari complessivi. Segnali negativi giungono anche dall’export, il primo semestre 2020 infatti ha visto anche una riduzione del 16,4% degli scambi dell’olio di girasole.” afferma Carlo Tampieri, presidente di una sezione di Assitol - conclude Tampieri -. Resilienza è la parola d’ordine. Per le aziende, è essenziale mantenere le posizioni sui due fronti caldi: tutela della salute e tenuta economica. In tal senso, il settore auspica il dialogo con tutti i suoi interlocutori. La collaborazione con tutta la filiera e con le istituzioni è l’unico strumento valido per disegnare insieme la ripresa".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: esiste davvero il giorno più triste dell'anno?

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Utenze

Chiedere la rettifica della bolletta, come e quando si può fare

Domotica

Le cappe da cucina ideali per una casa smart

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento