rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Economia

L'azienda spartisce i ricavi con i suoi dipendenti: "Sono loro il nostro bene più grande"

"Scelta “dovuta” - dichiarano gli azionisti - in un momento storico di sofferenza sociale ed economica diffusa in tutto il Paese, che ha anche toccato la nostra attività"

Ecogest Spa, l’azienda di Ravenna che si occupa della manutenzione del verde lungo le strade ed autostrade italiane, per volontà della proprietà ha deciso di ripartire il 4% del "margine operativo lordo” risultante dalle scritture contabili di fine esercizio 2017 con tutto il personale di cantiere e ha elevato la retribuzione di tutto il personale di sede, a partire dal 1 gennaio 2018. "Scelta “dovuta” - dichiarano gli azionisti - in un momento storico di sofferenza sociale ed economica diffusa in tutto il Paese, che ha anche toccato la nostra attività".

"Risulta fondamentale infondere nelle persone che ci circondano la certezza e la convinzione che l’azienda guarda a loro come alle fondamenta della società – dichiarano il Ceo Michela Nanni e l’azionista di riferimento, Valerio Molinari - Un anno, il 2017, caratterizzato da scelte difficili e dalla consapevolezza che il sistema Italia, compreso quello bancario, non hanno la capacità di assistere le Pmi, lasciate in balia dell’incertezza del quadro economico generale, dalla mancanza di regole certe, con gli imprenditori sempre più affaticati e sempre meno ascoltati dal sistema. Abbiamo fatto ciò che potevamo e non è una questione di cifre ma di principio; chi con noi ha sopportato inefficienze ed ingiustizie, rimanendo al proprio posto e garantendo la propria presenza ed il sevizio che siamo chiamati a garantire ai nostri committenti, ha la precedenza su tutto e tutti".

L’azienda, prossima ad aprire altre sedi all’estero, oltre alle 3 già operative in Europa e Medioriente da alcuni anni (Polonia, Romania, Turchia) dove dal 2014 sta proponendo i propri servizi di manutenzione del verde stradale e autostradale, conta oltre 200 dipendenti in 14 regioni italiane e in 3 nazioni straniere, coprendo oltre 5mila chilometri di rete stradale e autostradale italiana. "I nostri uomini sono il miglior asset che abbiamo - ha commentato Valerio Molinari - e che non vogliamo svalutare anche in presenza di criticità commerciali, piuttosto che economiche o di sistema. Intendiamo sviluppare questo antico mestiere dandogli una veste dinamica ed industriale, senza dimenticare che il lavoro su strada lo fanno sempre gli uomini che ci accompagnano in giro per il mondo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'azienda spartisce i ricavi con i suoi dipendenti: "Sono loro il nostro bene più grande"

RavennaToday è in caricamento