Sabato, 12 Giugno 2021
Economia

La cooperativa agroalimentare chiude l'anno con un fatturato di 150 milioni di euro

Terremerse: "L'utile finale è di 230mila euro. Si tratta di un risultato modesto, ma significativo, se si considera che è maturato in un'annata tra le peggiori degli ultimi 10 anni"

La proposta di bilancio dell’esercizio 2016 di Terremerse, che dovrà essere confermata dalle assemblee dei soci della cooperativa in programma a giugno, vede "un recupero di 626mila euro rispetto all’esercizio dell’anno precedente e 1,5 milioni di euro di reddito operativo lordo/ebitda, ovvero reddito prodotto dall’attività caratteristica. Il consuntivo è influenzato da poste straordinarie negative, non capitalizzate e non coperte dal ricorso, previsto nel preconsuntivo, a fondi accantonati a bilancio che rimangono pertanto intatti. Fra queste poste straordinarie ci sono costi figurativi e non monetari, derivanti dall’applicazione dei nuovi principi contabili che sottraggono ai ricavi un valore effettivamente maturato per 315 mila. Il fatturato 2016 è di 147 milioni di euro, con un consolidato (comprensivo dei risultati delle società controllate Agriservice, Borgobuono e Semìa), che si attesta invece a 171 milioni di euro. L’utile finale è di 230mila euro: si tratta di un dato di per sé modesto, ma significativo, se si considera che è maturato in un’annata tra le peggiori degli ultimi 10 anni, nella quale si sono sommati due elementi fortemente negativi. Da una parte la crisi di uno dei principali clienti industriali di pomodoro da industria, Ferrara Food. Dall’altra gli andamenti pesantemente negativi del prezzo internazionale dei cereali: una criticità compensata solo dal costante incremento delle aziende consegnatarie, che hanno contribuito a far raggiungere a Terremerse quantitativi record di prodotto ritirato, e dall’oculata politica commerciale sostenuta".

"Nel settore delle carni - prosegue Terremerse - si è finalmente delineata una svolta positiva, frutto dell’integrale innovazione dell’offerta realizzata, con 120 nuove referenze, e del successo dell’attività di marketing e di promozione del proprio marchio Borgobuono. Da segnalare che il margine contributivo del settore ortofrutta si avvicina al pareggio, dopo un decennio di risultati pesantemente negativi: un segno inequivocabile della validità delle scelte di riorganizzazione attuate. Nel settore delle agroforniture sono state sviluppate le componenti industriali attraverso acquisizioni societarie e l’ingresso in nuovi mercati. In generale il risultato d’esercizio 2016 premia le scelte di riposizionamento attuate, senza le quali Terremerse avrebbe avuto ben altre ripercussioni delle prove che il mercato e le avversità climatiche hanno inflitto. L’indirizzo inteso a rendere la cooperativa meno dipendente dalle avversità climatiche e dalle oscillazioni dei prezzi internazionali è stato una costante dell’azione di governo dell’azienda degli ultimi anni. Nel complesso, tra i risultati ottenuti con le azioni citate va menzionata anche la crescita dell’incidenza dello scambio mutualistico con soci, rispetto al totale dell’attività svolta anche con clienti e fornitori: la prevalenza mutualistica è passata dal 55,3% del 2015 al 59%. Con l’esercizio 2016, così radicalmente proiettato all’innovazione e poi con l’elaborazione del piano triennale 2017-2019 presentato nei mesi scorsi, Terremerse ha piantato il seme dell’identità futura della cooperativa e di un nuovo modo di operare e di esercitare l’utilità nei confronti dei soci, che ha già dato i suoi primi frutti con il risultato d’esercizio e non mancherà di produrre soddisfazioni per il futuro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cooperativa agroalimentare chiude l'anno con un fatturato di 150 milioni di euro

RavennaToday è in caricamento