menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La cooperativa San Vitale presenta il suo bilancio sociale all'Almagià

Nel 2017 la cooperativa sociale San Vitale di Ravenna ha dato occupazione a 75 lavoratori svantaggiati (41 maschi e 34 femmine) di tutte le fasce d’età, inserendo 69 di queste persone in percorsi di formazione mirati

Nel 2017 la cooperativa sociale San Vitale di Ravenna ha dato occupazione a 75 lavoratori svantaggiati (41 maschi e 34 femmine) di tutte le fasce d’età, inserendo 69 di queste persone in percorsi di formazione mirati. È uno dei dati che saranno illustrati mercoledì 21 novembre alle 17, presso le Artificerie Almagià di Ravenna, in occasione della presentazione aperta al pubblico del Bilancio Sociale della cooperativa.

La San Vitale è una realtà non profit del territorio, che da oltre trent'anni impegnata attraverso i propri servizi nella promozione della qualità di vita delle persone. Durante l’iniziativa sarà presentato un progetto di ricerca che coinvolgerà per i prossimi due anni la cooperativa, il Dipartimento di Scienze Economiche dell’Università di Bologna e il Dipartimento di Salute Mentale. Lo scopo è costruire un partenariato per l’innovazione che migliori le opportunità di inclusione sociale e lavorativa per le persone con problemi di salute mentale. Al convegno prenderanno parte la direttrice del Distretto Roberta Mazzoni, la direttrice del Centro di Salute Mentale Antonella Mastrocola e il direttore di Legacoop Romagna Mario Mazzotti. Sono invitati a partecipare i rappresentanti di Terzo Settore e Istituzioni, tra cui i Sindaci dei Comuni di Ravenna e Lugo.

"Questo Bilancio Sociale – spiega la Presidente Romina Maresi – propone una panoramica dei progetti, delle competenze e delle opportunità messe in campo dalla cooperativa in favore di coloro che si trovano in condizione di svantaggio nella nostra comunità. Inoltre contiene un approfondimento dedicato alla valutazione dell’impatto sociale in ambito psichiatrico, ovvero un’analisi di come le nostre azioni e i nostri percorsi strutturati abbiano influito positivamente sulle condizioni di vita e di relazione delle persone con problemi di salute mentale - e le loro famiglie - coinvolte nei nostri progetti di inserimento lavorativo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento