menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Piadina romagnola Igp punta a conquistare il mercato tedesco

Dalla conquista del marchio Igp, la produzione di piadina è passata dalle 6.500 tonnellate nel 2014 ad oltre 20mila nel 2018. In pratica è il 50% di quella prodotta nella ristorazione

La Piadina Romagnola Igp come ambasciatrice del suo territorio nel mondo: è legittima ambizione e base di un progetto. A metterlo in campo per il biennio 2019/21, finanziato attraverso il Piano di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione Emilia-Romagna, è il Consorzio di Promozione e Tutela della Piadina Romagnola Igp. L’obiettivo è promuovere il valore del prodotto alimentare simbolo della Romagna, la Piadina Igp e il suo legame con il territorio, difendendo l’identità, la storia e i valori.

“Da quando è Igp, la piadina romagnola è cresciuta per fatturato e produzione. E’ la prima volta che la piadina esce dai confini nazionali con una promozione organizzata - rimarca l’assessore regionale all'Agricoltura, Simona Caselli - Si fa il tentativo anche perchè l’Unione europea è il primo mercato per i prodotti agroalimentari italiani. L’export per la piadina finora è contato poco, ma si tratta di un prodotto con grande potenziale. Noi lavoreremo perchè si promuova assieme a altre Dop e Igp, come già è stato positivamente sperimentato sul territorio regionale: un bouquet di prodotti eccellenti che possono essere vincenti”.

E così la piadina romagnola diventerà sempre di più una specialità ricercata del mercato italiano ed europeo, puntando in primis alla conquista di quello tedesco con campagne pubblicitarie, anche su Facebook e YouTube, spot e la partecipazione, per la presentazione ai buyers internazionali, alla Fiera Anuga a Colonia. "Nel mondo - ha spiegato Alfio Biagini, presidente del Consorzio - ci sono 94 marchi registrati di piadina. Vogliamo difendere quella nata e prodotta in Romagna: dalla conquista del marchio Igp, la produzione di piadina è passata dalle 6.500 tonnellate nel 2014 ad oltre 20mila nel 2018. In pratica è il 50% di quella prodotta nella ristorazione, nella grande distribuzione e nei chioschi è certificata".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento