menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Made in Italy, la Cina apre a prodotti dop e igp dell'Emilia Romagna

La produzione esportata verso la Cina è di 11mila tonnellate: potrà ora aggiungersi la pera, frutto per cui l'Emilia-Romagna rappresenta la principale area di produzione in Italia e in Europa

A fine pasto ci vorrebbe la frutta. E anche qui buone notizie. Dopo il kiwi, infatti, si sta aprendo il dossier per l'esportazione delle pere in Cina, dove attualmente, per quanto riguarda il comparto ortofrutticolo, dall'Emilia-Romagna possono 'partire' solo kiwi e arance. Il principale prodotto e' pero' il kiwi, precisano dalla Regione, di cui l'Emilia-Romagna e' leader con una superficie coltivata di 4.405 ettari e una produzione di 82mila tonnellate, pari al 25% della produzione italiana e al 13% di quella Ue. Una produzione concentrata soprattutto nelle province di Ravenna e Forli'-Cesena.

La produzione esportata e' pari al 70%, di cui 11mila tonnellate verso la Cina. Potra' ora aggiungersi la pera, frutto per cui l'Emilia-Romagna rappresenta la principale area di produzione in Italia e in Europa, con oltre 20mila ettari coltivati - in particolare nel ferrarese - e una produzione di 450mila tonnellate, il 68% della produzione nazionale. Nell'ambito della missione della Regione Emilia Romagna in Cina, in occasione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo in Cina, si sono tenuti prima a Shangai e quindi a Pechino workshop, incontri con tour operator e presentazione ai media cinesi su 'Il meglio dell'Emilia Romagna', spiegano dal Comune di Rimini. E nel Nel workshop con i tour operator e i media cinesi e' stata presentata la Destinazione Romagna, il Verdi Festival, il Ravenna Festival, l'accordo tra il tour operator Phoenix, Blue Panorama e Aeroporto di Bologna, Bologna Welcome, Destinazione Bologna Welcome per 60 voli charter da realizzarsi nel 2018.

A rendere ancora piu' favorevole e 'appetibile' il contesto, la recente intesa Ue-Cina sul reciproco riconoscimento, e relativa protezione contro le falsificazioni, di 100 indicazioni geografiche e attualmente possono gia' essere esportati in Cina Aceto Balsamico di Modena Igp, Grana Padano Dop, Parmigiano Reggiano Dop e Prosciutto di Parma Dop, spiegano dalla Regione. Dei circa 391 milioni di euro di prodotti agroalimentari italiani esportati nel 2016 in Cina (+750% in valore in dieci anni), il 16% e' made in Emilia-Romagna, con una crescita del 64% in cinque anni (dati Nomisma). Buoni come il pane, anzi come il Dop e l'Igp. "Le autorita' cinesi hanno dato la loro disponibilita' a realizzare una loro attivita' di promozione delle Dop e Igp emiliano-romagnole nel loro circuito fieristico- spiega Caselli-. Sanno infatti che si tratta di prodotti non solo buoni, ma anche di elevatissima qualita' e salubrita', grazie ai rigorosi disciplinari di produzione. Temi questi che sono oggi molto sentiti in Cina.

Agenzia Dire

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento