Mancato rinnovo del contratto dell’industria alimentare: scatta la mobilitazione

La mobilitazione, anche in Emilia-Romagna, riguarderà le aziende che rientrano nell’area di rappresentanza delle associazioni datoriali che non hanno sottoscritto tale accordo e che non hanno espresso l’adesione al contratto sottoscritto il 31 luglio

Anche sul territorio ravennate si stanno registrando iniziative e mobilitazioni di fronte allo strappo compiuto da undici associazioni che si sono rifiutate di firmare il rinnovo del contratto nazionale dell’industria alimentare 2019-2023 (sottoscritto nella notte del 31 luglio tra Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil e Unionfood, Ancit e AssoBirra). "La scelta delle associazioni non firmatarie è dettata dall’indisponibilità a riconoscere un aumento economico di 13 euro a partire da aprile 2023 - spiegano i sindacati -. Fai, Flai e Uila nazionali hanno deciso di riconfermare il blocco degli straordinari e delle flessibilità fino al 14 ottobre e, a partire dal 9 ottobre, sono state proclamate le prime quattro ore di sciopero".

La mancata adesione al rinnovo del contratto nazionale, da parte di alcune importanti associazioni datoriali, è un atto che assume maggiore gravità se si considera che coinvolge lavoratori che, nel momento del lockdown, venivano considerati essenziali e che oggi ricevono questo ingrato trattamento - affermano Roberto Cangini, Raffaele Vicidomini e Sergio Modanesi, segretari generali territoriali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil -. Per questo motivo ci mobiliteremo in ogni modalità a nostra disposizione, affinché, anche nella nostra provincia, sia chiaro a tutti che le aziende che non riconoscono il diritto del contratto nazionale ai propri dipendenti, non possono considerarsi eccellenze".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mobilitazione, anche in Emilia-Romagna, riguarderà le aziende che rientrano nell’area di rappresentanza delle associazioni datoriali che non hanno sottoscritto tale accordo e che non hanno espresso l’adesione al contratto sottoscritto il 31 luglio. Un contratto importante, che riconosce un aumento salariale assolutamente appropriato (di 119 euro a regime) a cui si aggiungono 5 euro di welfare e 30 euro che verranno erogati a tutti i lavoratori per i quali non viene svolta la contrattazione di secondo livello. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato nei boschi dopo tre giorni insieme al suo fedele cane: "Nelle ore più fredde ci scaldavamo vicini"

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • La giovane che sfida la crisi per realizzare il suo sogno: aprire un forno-cioccolateria

  • Mucche picchiate con bastoni e chiavi inglesi: per l'allevatore 120 ore di lavori di pubblica utilità

  • Violento tamponamento tra due camion in autostrada: traffico in tilt

  • I ladri distruggono il bar e fanno razzia di sigarette e gratta e vinci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento