Micron Mineral, sofferto accordo sui 21 licenziamenti e la chiusura

"Quando chiude un'azienda e si perdono dei posti di lavoro non si può mai esultare", dichiara Davide Conti, segretario generale della Fillea Cgil di Ravenna

Il giorno 30 marzo nella sede di Confindustria di Ravenna si è raggiunto un sofferto accordo sulla mobilità dei lavoratori della Micron Mineral. Dopo tre incontri di trattativa tra la proprietà, le organizzazioni sindacali di categoria e le rappresentanze sindacali - e dopo che l'assemblea dei lavoratori aveva accettato a larga maggioranza l'ipotesi di accordo - si è proceduto alla firma.

L'accordo prevede il licenziamento di tutti i 21 dipendenti al 7 maggio con una serie di misure di accompagnamento al personale, al fine di ridurre l'impatto sociale dello chiusura dello stabilimento e della conseguente perdita di lavoro dei dipendenti in forza. Si prevedono una serie di percorsi per facilitare la ricollocazione dei lavoratori, tra questi un servizio di outplacement per la durata di 12 mesi, la segnalazione dei curricula agli altri stabilimenti del Gruppo sia in Italia che all'estero, l'allungamento del diritto di precedenza nelle assunzioni, se l'azienda dovesse riprendere l'attività a 24 mesi, e infine un incentivo all'esodo per singolo lavoratore superiore a 30.000 euro. Oltre a quanto previsto nell'accordo procederanno i lavori del tavolo di crisi costituito nel Comune di Ravenna per ricollocare i lavoratori nelle aziende del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quando chiude un'azienda e si perdono dei posti di lavoro non si può mai esultare - dichiara Davide Conti, segretario generale della Fillea Cgil di Ravenna - In questa trattativa pensiamo comunque di aver raggiunto un accordo soddisfacente che dà delle risposte ai lavoratori in termini economici e di prospettiva per la ricollocazione, come dimostra anche l'ampio consenso ottenuto dall'assemblea. Il nostro obiettivo primario era, però, impedire la chiusura e dare una prospettiva di rilancio alla produzione nello stabilimento di Ravenna ma, anche a causa della attuale normativa e politica del Governo, non è stato possibile. Ora deve proseguire l'impegno al tavolo di crisi per rioccupare tutti i lavoratori della Micron Mineral nel territorio. Certamente rimane aperto il grande problema della crisi del settore delle costruzioni nel nostro territorio. Ad oggi non si vede nessun segnale di ripresa e anzi ci giungono segnali di probabili e possibili ulteriori chiusure. La nostra provincia e in particolare il comune di Ravenna non può più permetterselo e pertanto è indispensabile un forte impegno della politica e delle istituzioni per invertire la tendenza; su questo chi si candida a governare la città dovrebbe presentare un piano credibile e sostenibile che oggi non si vede.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento