rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Economia

Migranti, Coldiretti: "Bene l’aumento delle quote per la manodopera agricola"

Pubblicato il decreto del Governo che regola i flussi d’ingresso dei lavoratori non comunitari. In Italia un prodotto agricolo su quattro viene raccolto da mani straniere con 358mila lavoratori provenienti da ben 164 Paesi diversi

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo Dpcm di programmazione transitoria dei flussi d’ingresso dei lavoratori non comunitari nel territorio dello stato che fissa a 82.705 la quota annuale in aumento rispetto alle 69.700 dell’anno precedente. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento alla pubblicazione del Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri avvenuta il 26 gennaio scorso. "Per quanto riguarda le quote per lavoro stagionale, attese principalmente nelle campagne, queste – sottolinea Coldiretti - ammontano a 44.000 unità (erano 42.000 lo scorso anno) delle quali 1.500 sono riservate alle nuove richieste di nullaosta stagionale pluriennale, quote che di fatto consentono all’impresa negli anni successivi di non essere vincolata ai termini di pubblicazione in G.U. del Dpcm per avere accesso all’autorizzazione. Alcune quote sono riservate ai lavoratori di Paesi con cui entreranno in vigore accordi di cooperazione in materia migratoria, a quelli che abbiano completato programmi di formazione nei Paesi di origine e alle richieste presentate dalle organizzazioni professionali dei datori di lavoro che assumono l'impegno a sovraintendere alla conclusione del procedimento di assunzione dei lavoratori".

"La vera ed importante novità di questo provvedimento è rappresentata infatti – continua Coldiretti - dal consolidamento e riconferma del rilascio di quote di ingresso riservate alle Associazioni di categoria per i propri associati nella misura di 22.000 unità (erano 14.000) a dimostrazione del fatto che i tempi sono maturi per rendere strutturale la norma sperimentale introdotta dal decreto semplificazione (Dl 73/2022), sostenuta dalla Coldiretti". “Dopo una vera e propria annata di passione sul fronte manodopera per le nostre aziende frutticole e vitivinicole – commenta il Presidente di Coldiretti Ravenna Nicola Dalmonte – il nuovo decreto evidenzia che il Governo ha ascoltato la voce di Coldiretti, bene infatti l’aumento delle quote, le tempistiche e le semplificazioni, ora – aggiunge – resta da lavorare tutti insieme al fine di snellire ulteriormente le procedure burocratiche”.

Se è vero infatti che il nuovo Decreto sarà anche l’occasione per sperimentare il superamento del nullaosta, sostituito da una comunicazione allo sportello unico per l'immigrazione da parte del datore di lavoro contenente la proposta di contratto di soggiorno per lavoro subordinato, dall’altro lato il provvedimento prevede però che il datore di lavoro interessato verifiche preventivamente presso il centro per l’impiego competente l’indisponibilità di un lavoratore presente sul territorio nazionale prima di assumere lavoratori non comunitari dall’estero. Questa norma, sostiene la Coldiretti - rischia di trasformarsi in un appesantimento burocratico per le imprese costrette a fare i conti nei campi con le esigenze di tempestività imposte dai cambiamenti climatici e dalla stagionalità delle produzioni. Si auspica pertanto che tale richiesta non valga per i lavoratori stagionali agricoli.

Come riferisce Coldiretti, in Italia un prodotto agricolo su quattro viene raccolto da mani straniere con 358mila lavoratori provenienti da ben 164 Paesi diversi che sono impegnati nei campi e nelle stalle fornendo più del 29% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore, secondo il Dossier Idos. Sono molti i “distretti agricoli” dove i lavoratori immigrati sono una componente bene integrata nel tessuto economico e sociale come nel caso della frutta e dell’uva in Emilia Romagna. I lavoratori stranieri occupati in agricoltura in provincia sono per la maggior parte provenienti da Moldavia, Romania, Marocco e Albania, ma ci sono rappresentanti di un po’ tutte le nazionalità. Si tratta soprattutto di lavoratori dipendenti a tempo determinato che arrivano dall’estero e che ogni anno attraversano il confine per un lavoro stagionale per poi tornare nel proprio Paese spesso stabilendo delle durature relazioni professionali oltre che di amicizia con gli imprenditori agricoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, Coldiretti: "Bene l’aumento delle quote per la manodopera agricola"

RavennaToday è in caricamento