rotate-mobile
Economia

Giornata clou per la Vinyls, ultimo passo verso la salvezza

Sono stati, infatti, convocati al ministero dello Sviluppo economico, la IGS i Commissari di Vinyls e l'ENI, per risolvere l'ultima problematica che sembra essere rimasta in campo prima di ufficializzare il passaggio

La giornata di mercoledì è per i lavoratori della Vinyls di Ravenna importantissima, in una vertenza che dura ormai da più di due anni. Sono stati, infatti, convocati al ministero dello Sviluppo economico, la IGS i Commissari di Vinyls e l’ENI, per risolvere l’ultima problematica che sembra essere rimasta in campo prima di ufficializzare il passaggio con rogito notarile della Vinyls S.p.A. In Amministrazione Straordinaria alla Industrie Generali Samarate (IGS).

Sono passati due anni e mezzo dall’inizio di questa vertenza nella quale i lavoratori, i Sindacati e le Istituzioni locali non hanno mai smesso di credere di poter rimettere in marcia gli impianti, il Ministero dello Sviluppo Economico ha più volte ripetuto la strategicità delle produzioni di PVC in Italia per le dirette connessioni che questo prodotto ha con l’industria manifatturiera Italiana, i Commissari Straordinari hanno basato la relazione iniziale del loro mandato di Amministratori Straordinari di Vinyls proprio sul valore che rappresenta la Chimica del PVC per le Politiche Industriali del nostro Paese.

“La vertenza Vinyls – sottolineano le organizzazioni sindacali - è nata dalla scelta scellerata di disimpegno nelle produzioni Italiane da parte della Multinazionale INEOS, che dopo aver “usato” il territorio e i lavoratori per molti anni, ha abbandonato il nostro Paese e di conseguenza le fabbriche, dove si trovano tecnologie, intelligenze, produzioni e persone che lavorano, senza alcuno scrupolo, non considerando che, per chi vi lavorava dentro e per le comunità circostanti, è invece una sciagura.   La Chimica a Ravenna è forse il settore che meglio rappresenta il legame tra Industria e Territorio, e il Distretto Chimico di Ravenna è forse l’unico esempio in Italia dove Istituzioni e Città sono amiche di una Chimica che produce nel rispetto della sicurezza e dell’ambiente, com’è stato evidenziato anche dal Presidente di Federchimica, Cesare Puccioni, nel convegno organizzato a Ravenna sabato 8 ottobre, per l’anno Internazionale della Chimica”.


“IGS è Italiana e questo rappresenta una grande opportunità perché è difficile trovare imprenditori che credono nell’industria del proprio Paese, questo non è per nulla scontato in un periodo storico in cui gli imprenditori tendono più ad abbandonare l’Italia per produrre in paesi con bassi costi della mano d’opera e con minori problemi legati alla sicurezza ambientale e del territorio.  Come OO.SS. di Ravenna pensiamo che per rafforzare le Politiche Industriali del nostro paese, l’unica maniera sia di salvaguardare le produzioni industriali Italiane che siano poi in grado di aiutare le PMI a fare sistema. Inoltre chiediamo con forza che tutti i soggetti presenti al Tavolo Ministeriale domani facciano la loro parte, a partire dal MiSE, affinché si raggiunga l’intesa e si proceda alla cessione dello stabilimento Vinyls di Ravenna alla IGS”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata clou per la Vinyls, ultimo passo verso la salvezza

RavennaToday è in caricamento