Offshore: "Bene riammissione emendamenti pro oil&gas, ora battaglia comune per il Paese"

"Tra tutti ci rivolgiamo in particolar modo alle forze sociali e politiche di Ravenna, che devono dare il massimo in questo momento, coerentemente a quanto condiviso nell'incontro in Prefettura"

"Con la decisione di mercoledì sulla riammissione di alcuni emendamenti al "Dl Semplificazioni", il settore oil&gas ha una grande occasione per ripartire". A dirlo è Giampiero Saini, presidente dell'associazione Per l'energia nazionale, che spiega: "Ci sono emendamenti diversi, ma dello stesso spirito, che vanno nella direzione di sbloccare il settore della ricerca e produzione di idrocarburi, nella logica di diminuire l'impatto ambientale e il rischio delle importazioni e di ridurre la bolletta energetica. Si tratta di una scelta per l'ambiente e per i lavoratori di una intera filiera industriale: sganciare il Pitesai dalla moratoria vuol dire consentire ai progetti già avviati di andare avanti, mantenere e ampliare la base occupazionale e l’indotto, garantendo al Ministero dello Sviluppo Economico i tempi necessari per un lavoro serio e preciso sul Pitesai. Allo stesso tempo si ridurrebbe il ricorso alle onerose e ambientalmente rischiose importazioni. Per questo chiediamo una forte convergenza politica e sociale attorno ai temi posti dagli emendamenti presentati da Stefano Collina del Pd, da Paolo Arrigoni della Lega, da Gelsomina Vono di Italia Viva e da Alessandra Gallone di Forza Italia. Si tratta di emendamenti diversi ma su cui va necessariamente trovata una sintesi , vanno tutti nella stessa direzione e rappresentano, attraverso gli autorevoli firmatari, la maggioranza del parlamento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Bisogna chiarire che la partita che si gioca in queste ore è l'ultima occasione per l'oil&gas di affermare la propria mission industriale e per continuare a fornire il proprio contributo a beneficio del Paese - precisa Saini - Passata questa, le forze che vogliono immotivatamente chiudere per sempre questa industria torneranno alla carica, attraverso la proposta anticipata nelle scorse settimane e mai presentata al Dl Semplificazioni. Siamo certi che non si sia trattato di un errore, ma di una precisa strategia per saggiare la reazione delle forze politiche e sociali che credono al lavoro e allo sviluppo di fronte alla proposta di una ulteriore stretta. Tra tutti ci rivolgiamo in particolar modo alle forze sociali e politiche di Ravenna, che devono dare il massimo in questo momento, coerentemente a quanto condiviso nell'incontro in Prefettura del febbraio scorso. Ma serve il concorso di tutti: industriali, forze politiche, sindacati e lavoratori per coniugare sviluppo e transizione energetica e per far ripartire il Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • A 91 anni fa il Giro d'Italia in barca a vela: "Mettetevi in gioco, è la paura che fa invecchiare"

  • Violento scontro all'incrocio, mezzi distrutti: una famiglia all'ospedale

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento