Economia

Verso lo sblocco delle trivelle con Omc? "Segnali positivi dal Governo, potrebbe esserci un cambio di rotta"

La presenza di tre sottosegretari all'Offshore Mediterranean Conference 2019 fa ben sperare il mondo dell'offshore, nella speranza che l'importante evento possa essere l'occasione per un cambio di rotta

“Expanding Mediterranean Energy Sector: Fuelling Regional growth”: è questo il tema della 14esima edizione di Omc, l’Offshore Mediterranean Conference che si terrà dal 27 al 29 marzo al Pala de Andrè di Ravenna. L’apertura della manifestazione, dedicata al settore energetico internazionale, è in programma mercoledì 27 marzo alle 10 con l’intervento del Sottosegretario alla presidenza del consiglio Giancarlo Giorgetti.

Mediterraneo e offshore in fermento: al via la tre giorni dell'Omc 2019

E proprio la presenza di Giorgetti, insieme a quella dei Sottosegretari Laura Castelli (al Ministero dell'Economia e delle Finanze) e Davide Crippa (allo sviluppo economico), fa ben sperare il mondo dell'offshore, nella speranza che l'importante evento possa essere l'occasione per un cambio di rotta in merito al provvedimento 'blocca trivelle', l'emendamento al decreto legge "Semplificazioni" che riguarda il settore upstream e prevede l'aumento di 25 volte i canoni annuali di coltivazione e stoccaggio degli idrocarburi per tutte le compagnie petrolifere e uno stop di 18 mesi alle ricerche in mare di idrocarburi.

"Il sottosegretario Giorgetti ha già intrapreso un discorso per riprendere le attività in Adriatico - spiega Franco Nanni, presidente del Roca (Ravenna Offshore Contractors Association) - In seguito a una serie di riunioni, come aziende abbiamo messo a punto e gli abbiamo consegnato un documento che può rappresentare alcune linee guida per il Piano energetico nazionale. Lui ha chiesto un incontro con gli imprenditori che si svolgerà proprio durante l'Omc per discuterne. Per scaramanzia non dico altro, ma speriamo ci sia una ripresa. Ci sono i presupposti affinchè si vada avanti: è molto difficile prevedere cosa succederà, ma le nostre osservazioni non sono state disattese, e il fatto che il sottosegretario voglia discutere con gli imprenditori di questi punti è un buon segnale".

"La ricerca di una sempre maggiore indipendenza energetica - ha risposto Giorgetti agli imprenditori nell'accettare il loro invito - nel rispetto dell’ambiente e con il ricorso di tecnologie innovative è un tema che questo Governo dovrà presto tornare ad affrontare con assoluta serietà e buonsenso. Ed è proprio il buonsenso che mi porta ad accettare il vostro invito all’apertura dei lavori dell’Omc, convinto come sempre che solo il confronto diretto con gli operatori del settore possa generare buone norme che tutelino le imprese, i posti di lavoro e l’ambiente". Segnali positivi anche dal Governo, dunque, con la naturale soddisfazione del sindaco Michele de Pascale: "Abbiamo grandi aspettative in merito al tema trivelle, sarebbe una meravigliosa occasione per annunciare la soluzione del problema. Anche la presenza di Crippa e della Castelli fa ben sperare, almeno ci sarà un'occasione di confronto. Sbagliare e correggersi, cambiando idea, è segno di grandissima intelligenza".

"La transizione è importante, ma non esiste una bacchetta magica - conclude Innocenzo Titone, chairman di Omc 2019 - Ci vuole un processo graduale che va accompagnato con delle fonti meno impattanti, e tra queste c'è proprio il gas metano".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso lo sblocco delle trivelle con Omc? "Segnali positivi dal Governo, potrebbe esserci un cambio di rotta"

RavennaToday è in caricamento