menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omc, il vice-ministro Castelli: "Politica energetica meno impattante non più rinviabile"

Uno dei momenti centrali della giornata di giovedì della XIV edizione di OMC è stato il convegno organizzato da Assomineraria sul tema della sostenibilità ambientale

Uno dei momenti centrali della giornata di giovedì della XIV edizione di OMC è stato il convegno organizzato da Assomineraria sul tema della sostenibilità ambientale collegata al settore, argomento che ha sotteso molti degli incontri principali di questa edizione di OMC. L’iniziativa – introdotta dal presidente di Assomineraria, Luigi Ciarrocchi, e che ha visto la partecipazione di Laura Castelli, viceministro all’Economia e alle Finanze – ha avuto lo scopo principale di presentare e discutere la scelta dell’associazione (che rappresenta più di 120 aziende del settore) di creare partnership con Paesi produttori di Oil&Gas, in particolare il Mozambico. L’obiettivo è quello di attrarre maggiori investimenti per produrre risorse naturali in ambito locale, implementare la cooperazione con il sistema industriale italiano e sviluppare infrastrutture e know how locale per uno sviluppo sostenibile a lungo termine.

Un processo basato anche sulla creazione di uno schema a livello legale, che incoraggi lo sviluppo di un’infrastruttura a livello locale e la creazione di una capacità industriale sul territorio mozambicano. Il processo di internazionalizzazione di Assomineraria si basa sulle conoscenze delle diverse aziende associate, ed è supportata dall’azione del Governo italiano. “Il sistema Paese – ha detto il vice ministro – ha una sfida da cogliere non più procrastinabile: promuovere una nuova politica energetica nazionale che assicuri il minor impatto possibile sull’ambiente, supporti la crescita economica e garantisca un costo dell’energia il più basso possibile e al tempo stesso la certezza degli approvvigionamenti. Un combinato disposto che sarà possibile realizzare solo attraverso il coinvolgimento, in un percorso comune, di tutti gli attori per ridefinire in maniera strategica la politica energetica nazionale e internazionale con altri Paesi produttori di petrolio e gas, e trovare il giusto equilibrio tra crescita economica, sviluppo industriale e sostenibilità sociale”.

Al workshop, oltre all’on. Castelli e al presidente di Assomineraria Ciarrocchi, hanno partecipato il vicepresidente di Assomineraria, Sergio Polito; il Ceo di EniProgetti, Luciano Vasques; il vicepresidente esecutivo di RINA Consulting, Leonardo Brunori; Alessandro Olmo, del dipartimento legale di SICIM; Reinaldo Almeida, del dipartimento legale dell’Istituto Nacional de Petroleo del Mozambico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento