rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Economia

"Operai come minatori per 1000 euro al mese": lavoratori in sciopero davanti all'azienda

E’ iniziato con il turno di lunedì mattina lo sciopero per l’intera giornata delle lavoratrici e lavoratori della cooperativa che gestisce in appalto i servizi di pulizia industriale nello stabilimento Marcegaglia di Ravenna

E’ iniziato con il turno di lunedì mattina lo sciopero per l’intera giornata delle lavoratrici e lavoratori della cooperativa che gestisce in appalto i servizi di pulizia industriale nello stabilimento Marcegaglia di Ravenna. Lavoratrici e lavoratori addetti alla rimozione delle polveri di metallo, prodotte dalle saldature delle linee, che si accumulano sopra gli impianti. Impegnati nella sgrassatura dei macchinari. Addetti alle pulizie delle condotte degli impianti di aspirazione, in cui si calano imbracciando il martello pneumatico e, con questo, distaccano i residui ferrosi solidificati.

"Operaie e operai che a fine turno sembrano usciti da una miniera dell’Ottocento, che dopo il duro lavoro, dopo ore passate a respirare polveri di metallo, sono ricompensati con poco più di 5 euro all’ora: 1000 euro al mese e "derubati" della 13esima e 14esima - protestano dal sindacato Sgb - Il meccanismo per sottopagare i lavoratori è questo: finti contratti part-time, 13esima e 14esima non pagata, maggiorazioni per lo straordinario inferiore a quelle stabilite dal contratto, il tutto aggravato dall’inquadramento in uno dei livelli più bassi del CCNL Multiservizi, un contratto “pirata”, famoso nelle aule dei tribunali per essere utilizzato negli appalti per abbattere il costo del lavoro a danno dei lavoratori. Tutte le lavoratrici e i lavoratori sono inquadrati nei livelli più bassi di questo contratto: al secondo livello, con una retribuzione mensile lorda pari a 1200 euro, 300 euro in meno della paga di chi prima lavorava nell’appalto con il contratto della Logistica".

"Oggi siamo al loro fianco, in lotta, così come siamo stati a fianco della lotta dei lavoratori di Sovia, una lotta durata più di un anno che ha permesso ai lavoratori di conquistare dignità e un salario dignitoso - concludono dal sindacato . Da oggi, con questo primo sciopero, comincia la stessa lotta con le lavoratrici e i lavoratori di Ambro Servizi. Al loro fianco, in presidio davanti alla Marcegaglia, altri lavoratori degli appalti nello stesso stabilimento, organizzati in Sgb. Ci vorrà un altro anno? Non lo sappiamo. Di certo la lotta dei lavoratori con il sostegno di Sgb non si fermerà fino a che non sarà ristabilita la legalità, fino a che i lavoratori non avranno conquistato la loro dignità, il loro giusto salario, la tutela delle loro salute e sicurezza nel lavoro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Operai come minatori per 1000 euro al mese": lavoratori in sciopero davanti all'azienda

RavennaToday è in caricamento