Peltrochimico, Matteucci: "Marcheremo stretto governo ed Eni"

Lo ha affermato il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, nel corso del consiglio comunale

"Marcatura stretta" sul governo affinchè si impegni a potenziare il polo chimico ravennate. Lo ha affermato il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, nel corso del consiglio comunale. La città bizantina, ha evidenziato il primo cittadino, "nel settore della chimica non deve perdere neanche un posto di lavoro. L'Italia ha bisogno dell'industria chimica e io dico che Ravenna vuole difendere, qualificare e, se possibile, potenziare il nostro polo chimico. Senza l' industria chimica un Paese annienta il proprio sviluppo industriale".

"Versalis è la base della chimica italiana - ha evidenziato Matteucci -. Versalis a Ravenna ha 720 occupati, molti laureati e diplomati. Ottanta di questi 720 si occupano di ricerca. Molte centinaia di persone lavorano nell'indotto quotidiano. Nel nostro polo chimico lavorano complessivamente ogni giorno 2400 persone, con altrettante persone che operano nell'indotto. Quindi è chiaro che stiamo parlando di uno dei cuori pulsanti dell'economia ravennate: non possiamo permettere che questo cuore cessi di battere".

"Io non ho obiezioni al fatto che Eni cerchi un alleato industriale e anche finanziario - ha chiarito il primo cittadino -. L'elemento decisivo è che questo partner entri per investire sulla chimica in Italia. E, aggiungo, per investire a Ravenna". Ha aggiunto Matteucci: "Che Ravenna vuole la chimica lo dimostrano la nostra storia e le nostre scelte politico - amministrative. Le scelte del Comune hanno sempre avuto una direzione coerente in questa direzione, e a questa proposito mi piace ricordare l'impegno dell'assessore Roberto Gualandi, di cui  abbiamo ricordato in questi giorni la scomparsa avvenuta cinque anni fa".

"Si può dire che Ravenna deve molto all'Eni dai tempi di Mattei - ha sottolineato -. Ma è anche vero viceversa che l'Eni a Ravenna ha trovato sempre, e anche negli ultimi anni, un “ambiente” favorevole.  Chiediamo un piano industriale. Chiediamo di andare avanti con gli investimenti programmati per ammodernare e qualificare l'impianto Versalis di Ravenna. Questo è il nostro obbiettivo, questo è il progetto a cui il Comune si Ravenna vuole lavorare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco chiede "al Governo comportamenti coerenti con le dichiarazione del sottosegretario Luca Lotti. Chiediamo ai vertici dell'Eni di scegliere, anche nella ricerca dell'alleanza industriale e finanziaria, di non portare via dall'Italia la chimica ma, al contrario,  di mettere a punto anche con i nuovi soci un progetto di crescita dell'industria chimica italiana. E di investire nell'impianto Versalis di Ravenna. Per raggiungere questo obbiettivo  “marcheremo stretto”  il Governo, senza escludere,  se si renderà utile e necessario,  un intervento della Cassa Depositi e Prestiti. E “marcheremo stretto" l' Eni"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento