rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Economia

Porto, grandi obiettivi: "Fare sistema per diventare punto di riferimento sulla Via della Seta"

Il vicesindaco Eugenio Fusignani: "Dobbiamo porci in una logica di sistema con gli altri porti presenti nell’Adriatico per sviluppare un sistema logistico integrato di infrastrutture e servizi"

Riflettori ancora accesi sul porto per i sessant’anni di Sapir e non solo. Si è svolto giovedì un convegno promosso da The International Propeller club Port of Ravenna, l’associazione internazionale di imprenditori marittimi, con il patrocinio e il contributo della Camera di Commercio di Ravenna e in collaborazione con l’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centrosettentrionale, sul tema “L’Adriatico sulla nuova Via della Seta”, inteso a promuovere la cooperazione e lo sviluppo di collegamenti con la Cina.

“Il porto di Ravenna – ha affermato il vicesindaco Eugenio Fusignani con delega al Porto durante il suo intervento – deve porsi in una logica di sistema con gli altri porti presenti nell’Adriatico per sviluppare un sistema logistico integrato di infrastrutture e servizi che gli consenta di assumere un ruolo europeo, in grado di cogliere le sfide poste dall’iniziativa strategica cinese per il miglioramento dei collegamenti e la cooperazione tra i paesi dell’Eurasia. Le distanze tra i nostri porti, che a noi sembrano notevoli, sono quelle che per la Cina intercorrono all’interno di una stessa area portuale, pertanto a fare la differenza saranno la volontà e l’impegno di ragionare con una visione ampia e lungimirante e lavorare in un’ottica sinergica per lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto e logistica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, grandi obiettivi: "Fare sistema per diventare punto di riferimento sulla Via della Seta"

RavennaToday è in caricamento