Ripartenza, "i comportamenti dei clienti non possono cadere sulle spalle degli imprenditori"

La percentuale di aperture è risultata leggermente più bassa fra i bar e sensibilmente inferiore fra le imprese della ristorazione, alle prese con alcuni necessari chiarimenti

Il 95% delle imprese commerciali in Emilia-Romagna ha riaperto la propria attività nel primo giorno dopo il lockdown. È quanto emerge da un’indagine condotta da Confesercenti regionale fra le proprie strutture territoriali per verificare la situazione delle imprese commerciali dopo il lungo stop imposto dalle normative per impedire la diffusione del Covid-19. "Gli imprenditori del commercio hanno riaperto con entusiasmo e nel rispetto di tutte le prescrizioni previste dagli appositi protocolli regionali - esordisce il presidente provinciale di Confesercenti, Monica Ciarapica -. La percentuale di aperture è risultata leggermente più bassa fra i bar e sensibilmente inferiore fra le imprese della ristorazione, alle prese con alcuni necessari chiarimenti".

"Su questi aspetti è necessario aprire una parentesi - puntualizza Ciarapica -. Le imprese informano i clienti con apposita cartellonistica e sostengono direttamente costi di gestione più elevati poiché è evidente che per un bar servire tutte le consumazioni al tavolo comporta spese sensibilmente più alte. Dopo aver eseguito tutto questo, l’impresa ha già abbondantemente fatto la sua parte. Da quel punto in avanti la responsabilità ed i comportamenti sono individuali e non possono ricadere sulle spalle degli imprenditori né sul piano etico né su quello giudiziario. Non possiamo tacere anche altre criticità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo uno strano Paese - prosegue -. Le regole per riaprire dopo oltre due mesi di chiusura arrivano con 48 ore di anticipo, dopo estenuanti tira e molla fra Regione e Governo. È una palese mancanza di sensibilità e rispetto verso chi sta mettendo in gioco la propria esistenza e il proprio futuro. Prendiamo ciò che c’è di buono: il segnale concreto della grande voglia di ripartire e tornare alla normalità di settori duramente colpiti da questa crisi. Imprese che hanno la voglia di ripartire e che meritano un grande applauso e i migliori auguri per il coraggio che dimostrano mettendosi in gioco in un contesto molto difficile". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

Torna su
RavennaToday è in caricamento